MARATHON DE SABLE – Intervista a Trincheri

Conclusa con un entusiasmante 6° posto la 24a Marathon des Sables, considerata la gara podistica più massacrante, Lorenzo Trincheri, 39 anni il prossimo 2 maggio, agente immobiliare di Dolcedo (Im), tesserato per l’Us Maurina Imperia (Fidal) e per l’Associazione Oltre (Csen), è rientrato a casa e ci ha reso partecipi di questa sua nuova straordinaria avventura, un’ impresa condivisa con altri 812 concorrenti (770 all’arrivo, solo 42 i ritirati) di 39 diverse nazionalità. Per i colori italiani, oltre a Trincheri, nei primi 15 si sono piazzati Marco Olmo (12°) e Alessandro Tomaiuolo (14°). Lorenzo Trincheri, perchè la Marathon des Sables? «E’ sempre stata il mio sogno. Da quando nel 1993, a 23 anni, ho deciso di smettere di fumare e di fare una vita sedentaria, accendendo la passione per la corsa e il confronto con i limiti umani. Per caso ho scoperto di avere anche buone doti podistiche e così ho proseguito, sino a vestire la maglia azzurra e vincere l’oro a squadre ai Mondiali ed agli Europei della 100 km. Le lunghe distanze sì, ma col tempo ho preso sempre maggior confidenza con i percorsi fuoristrada e con la salita. Come per tutti i veri sogni della vita, occorrono molto tempo e tanta umiltà per realizzarli. Il primo approccio col deserto è stato due anni fa, con la 100 Km del Sahara, uno scherzo in confronto alla Marathon des Sables. L’anno scorso, finalmente, il coronamento… ma nonostante l’inatteso ottavo posto finale, non ero riuscito a dare il massimo, anche per via dell’inesperienza. Per cui sono voluto tornare, a quasi 39 anni, a misurarmi nuovamente con la sabbia del deserto e con me stesso”. Cosa è successo alla vigilia? Si è temuto che la gara venisse annullata… “Il giorno del nostro arrivo in Marocco si è scatenata una pioggia torrenziale, che ha provocato una vera e propria alluvione. Ci sono stati momenti di preoccupazione. Alcuni mezzi sono stati portati via dalla furia delle acque, altri sono rimasti bloccati, tanto che l’organizzazione non ha potuto allestire nei tempi previsti il campo-base per la partenza. Il nostro trasferimento nel deserto è stato rinviato di due giorni, con il rischio che la competizione saltasse per problemi di sicurezza, poi fortunatamente poi il tempo si è messo al bello. Gli organizzatori sono stati bravi a riportare tutto nella normalità. Sono state cancellate due tappe, la prima e l’ultima, che di solito sono le più brevi. La gara si è svolta nella massima regolarità, con un totale di oltre 200 km. E per compensare la cancellazione della tappa inaugurale di domenica 29 marzo, quella di mercoledì 1 aprile è stata portata a 91 km, la più lunga di sempre della Marathon des Sables”. La Marathon des Sables è una gara davvero così massacrante e singolare? “Al di là del clima, della lunghezza e del tipo di percorso, rispetto ad altre gare la Marathon des Sables presenta una notevole difficoltà in più: la convivenza col deserto. Occorre sapersi adattare, sapersi alimentare, riuscire a riposare. Si vive per una settimana con il proprio zaino, con la poca acqua e la tenda a sei posti, che l’organizzazione mette a disposizione. Nelle pause ci si deve preparare da mangiare, medicarsi i piedi ed il corpo. E’ una gara che necessita di una lunga e accurata preparazione. Se quest’anno non ho avuto problemi ai piedi è grazie al fatto di essermi allenato a volte andando a camminare nel bosco di Dolcedo a piedi nudi. E poi c’è una grossa componente mentale, sapersi gestire è fondamentale”. In più si corre sempre con lo zaino sulle spalle… “Questa è una complicazione in più. Deve contenere tutto il necessario per una settimana, compresa l’attrezzatura, dalla bussola ai pentolini per cucinare. E poi liofilizzati, barrette energetiche, formaggio grana e anche un po’ di olio extravergine d’oliva. Inoltre l’organizzazione, per motivi di sicurezza, obbliga i partecipanti a dotarsi di un razzo e del road-book, il libro con il tragitto quotidiano. Sono partito che pesava quasi otto kg, cui va aggiunto un litro circa di acqua che portavo ogni giorno con me. Lo zaino al traguardo finale era meno di tre. Tra l’altro il regolamento è molto severo. Ad ogni arrivo di tappa, ai primi dieci della classifica, viene sempre controllato il contenuto”. Soddisfatto di com’è andata? “Assolutamente sì. A conti fatti, il sesto posto è il massimo che avrei potuto ottenere. Meglio di me hanno fatto solo quattro formidabili africani, tre marocchini e un giordano, e lo sloveno Vencelj, che non conoscevo, ma che devo dire ha dimostrato ottime doti. Ho corso diversi tratti al suo fianco ed anche ne tratti in salita, quelli che io prediligo, era dura tenergli il passo. Alle spalle mi sono messo però fior di campioni, dallo statunitense Wardian, autentico big negli Usa sulle lunghe distanze, dalle maratone ai 50 a 100 km, ad un nutrito e qualificato gruppo di maratoneti ed ultramaratoneti spagnoli, portoghesi, francesi, britannici e svizzeri. Ho corso con grande regolarità, classificandomi sempre tra il 7° ed il 10° posto. Come mi aspettavo, il meglio di me l’ho dato nella tappa più lunga, tagliando il traguardo al 7° posto e togliendomi la soddisfazione di fare meglio di tanti grandi specialisti”. Gli africani sono davvero imbattibili in questo tipo di gare? “Penso proprio di sì, e non solo per questioni fisiche. La loro abitudine al clima, al tipo di vita e di alimentazione, li pone un gradino sopra tutti. Molti di loro conoscono perfettamente il territorio, vivono da quelle parti. E’ proprio la loro gara. Inoltre possono schierare numerosi atleti di alto livello. Quest’anno pur essendone ritirati un paio, compreso Lahcen Ahansal, con più di dieci successi nel palmares, ce n’erano almeno altri tre imprendibili. Impossibile competere anche tra le donne con Didi Touda, marocchina di 40 anni,33esima assoluta, la quale ha rifilato un’ora alla statunitense Meghan Hicks”. Per preparare questa gara e durante la corsa ci sono state persone che ti hanno particolarmente aiutato? “Se non fosse per Marco Olmo, un vero mito, probabilmente non sarei mai riuscito a disputare questa gara ed a terminarla in questi due anni così in alto in classifica. I suoi consigli, sia per quanto riguarda preparazione e preparativi, sia durante la corsa, sono stati preziosissimi. L’esperienza gioca un ruolo fondamentale, non a caso molti dei primi classificati hanno intorno ai 40 anni. Olmo è un discorso a parte, ha un fisico incredibile. Ha corso la Marathon des Sables per ben 14 volte, riuscendo anche a salire sul podio. Nella tappa più lunga dà sempre il meglio di sé e anche questa volta ha fatto faville, concludendo 9°. E a 60 anni riuscire a piazzarsi 12° assoluto nella graduatoria finale è un risultato straordinario. Quest’anno inoltre ha vissuto questa straordinaria esperienza l’amico Valentino Mattone, 59enne imperiese che nella vita fa anche il maestro di sci, il cui sostegno morale e materiale è stato davvero importante. Tra l’altro, merita i complimenti perché, ancorché debuttante, ha brillantemente portato a termine la gara, 284°, niente male”. Cosa significa terminare la Marathon des Sables? “Viverla e riuscire a portarla a compimento è qualcosa di straordinario. Difficile descrivere certe emozioni. Basta pensare che dopo l’ultima tappa con Valentino Mattone ci siamo abbracciati e, per la stanchezza e la gioia, abbiamo pianto come due bambini”. Quali sono state le difficoltà maggiori che hai avuto nel corso della settimana? “Per fortuna non ho avuto nessuna crisi né inconvenienti, solo nel corso dell’ultima tappa alcuni problemi fisici, dovuti alla fatica ed al tipo di alimentazione, non mi hanno permesso di correre al massimo. Naturalmente, avendo dato tutto, a fine gara ero molto stanco, ma non ho sofferto particolarmente né il caldo, che quest’anno ha risparmiato i partecipanti, nè fame e sete. Ho avuto invece difficoltà a riposare, non dormivo più di 3-4 ore a notte. In verità c’è stato anche un momento di paura. Una sera, mentre ci apprestavamo a riposare, uno dei miei compagni si è accorto di un ospite indesiderato: una vipera. Per fortuna la prontezza di Paolo Venturini, abile maratoneta veneto che si è purtroppo ritirato a metà settimana, ha scampato il pericolo”. Dediche e ringraziamenti? “In primis a mio figlio Alessio, di sei anni, ed alla mia compagna Marina, con i quali presto condividerò una grande gioia. Devo ringraziarli per aver condiviso con me i sacrifici che una gara come questa impone: tempo libero, fatica, trasferte, allenamenti. Poi i miei genitori, i familiari, gli amici e tutti gli appassionati che mi hanno seguito ed assistito in questa fantastica esperienza. Fondamentale è stato anche l’apporto di alcune aziende ed attività che mi hanno sostenuto in questa avventura, impegnativa anche dal punto di vista finanziario. Voglio dire grazie allo sponsor tecnico Brooks, al Comune di Dolcedo, alla San Lorenzo, alla Ac Tecar Sanremo, a Shaba Costruzioni, ad Arredamenti Fogliarini. Molto importante è stata anche la collaborazione del Csen e di Oltre, neonata associazione di cui mi onoro di essere socio fondatore e vicepresidente, attraverso la quale stiamo cercando di attivare importanti progetti legati al territorio, all’avventura ed agli sport estremi. Passioni che animano anche il presidente di Oltre, Lorenzo Gariano, a sua volta reduce dalla conquista delle Seven Summits, un altro caro amico che è stato prodigo di consigli nei miei confronti. L’anno scorso, al ritorno dal deserto, gli amici ed il Comune di Dolcedo organizzarono una bella festa. Fu una sorpresa. Questa volta vorrei contraccambiare”. Tanta fatica per…? “Per la soddisfazione, un po’ di gloria e l’indelebile ricordo che porterò per sempre con me. Non certo per i premi. In occasione della cerimonia di chiusura, a Ouarzazate, ho ricevuto la maglietta di finisher, un trofeo ed uno sconto di 400 euro per l’iscrizione alla prossima edizione”. Qualche rammarico? Rammarico no. Solo un po’ di invidia nei confronti di altri atleti italiani che, nonostante si siano ritirati o siano arrivati decisamente indietro, ho scoperto poter contare sull’apporto di importanti sponsor locali e nazionali grazie ai quali possono dedicare più tempo e permettersi di gestire l’attività con serenità. Sotto questo punto di vista spero che i risultati conseguiti mi aiutino a reperire delle risorse. Mi sono accorto che la visibilità conta molto, forse sinora ho trascurato un po’ questo aspetto. Dall’inizio della Marathon des Sables ho anche un sito Internet, http://www.lorenzotrincheri.it. Un passo alla volta…”. Tornerai nel deserto? “Adesso è prematuro per dirlo. L’impegno è gravoso, voglio pensarci con calma”. E dopo il deserto cosa ti aspetta? “In quello che resta del mese di aprile conto di rimanere fermo e smaltire la fatica accumulata nel deserto. Ad inizio maggio vorrei essere al via dell’Ultratrail The Abbots Way, la via degli Abati, gara di 125 km in due giorni, da Pontremoli a Bobbio, per un totale di 5.900 metri di dislivello positivo. A giugno mi dedicherò a qualche gara in salita: la Supermaratona dell’Etna, forse il Monte Faudo. A fine agosto, se si presenterà l’occasione, potrei riprovare l’Ultratrail del Monte Bianco, altra gara mitica”. Dal punto di vista organizzativo, dopo aver contribuito nel 2007 alla Via Marenca ed aver visto nascere un articolato circuito di gare trail in Liguria, le ecomaratone e i Park Trail in tutta Italia, mi piacerebbe che anche il bellissimo territorio della provincia di Imperia ne potesse ospitare almeno una. In tutto l’entroterra, ed in particolare all’interno del Parco delle Alpi Liguri, vi sono tantissimi percorsi adatti. Questa disciplina ormai è di gran moda, ha un elevatissimo numero di appassionati e sono certo che, oltre a sensibilizzare il rispetto per la natura, sarebbe un ottimo traino a livello turistico e di immagine”. 24esima Marathon des Sables – Il cammino di Lorenzo Trincheri Piazzamenti singole tappe e distacco dal vincitore 1a tappa – Erg Chebbi-Erg Znaigui (33 km): 9° in 2h46’05” a 12’00” da M. Ahansal (Mar) 2a tappa – Erg Znaigui-Erg Znaigui (36 km): 10° in 3h0756” a 26’39” da El Akad (Mar) 3a tappa – Erg Znaigui-Aferdou Nsooualhine (91 km): 7° in 9h27’55” a 1h19’33” da M. Ahansal (Mar) 4a tappa – Aferdou Nsooualhine-Tizin Ighrs (42 km): 10° in 3h19’57” a 27’34” da El Akad (Mar) Classifica finale 24^ Marathon des Sables Rang N° Nom Prénom Sexe Nationalité Equipe Temps Ecart Moy. 1 2 AHANSAL Mohamad H MAR KIA MOTORS MAROC 16H27’26 0H00’00 12,29 2 3 EL AKAD Aziz H MAR KIA MOTORS MAROC 16H31’40 0H04’14 12,23 3 357 AL AQRA Salameh H JOR KOLYSEE NANCY-ARAMEX 17H15’06 0H47’40 11,72 4 220 VENCELJ Anton H SLO EUROSPORT 18H14’35 1H47’09 11,08 5 8 AIT AMAR Mustapha H MAR SANS LIMITE 18H16’37 1H49’11 11,06 6 460 TRINCHERI Lorenzo H ITA 18H41’53 2H14’27 10,81 7 4 AKHDAR Samir H MAR ERTIPS 18H43’32 2H16’06 10,80 8 870 WARDIAN Michael H USA DREAMCHASERS USA 18H44’49 2H17’23 10,79 9 529 OLIVAR ROLDAN Aurelio Antonio H ESP 18H50’50 2H23’24 10,73 10 473 GOMEZ CAMACHO Julio H ESP CORRICOLLANO 19H01’02 2H33’36 10,63 11 5 AKHDAR Lhoucine H FRA ERTIPS 19H05’34 2H38’08 10,59 12 297 OLMO Marco H ITA 19H43’22 3H15’56 10,25 13 26 DAVIES William H GBR EUROSPORT 20H05’10 3H37’44 10,07 14 799 TOMAIUOLO Alessandro H ITA 20H21’07 3H53’41 9,94 15 247 EVENO Lionel H FRA LEGENDRE BRETAGNE 20H43’15 4H15’49 9,76

Annunci

1 commento »

  1. lucio said

    Caro amico, ho letto con calore quello che hai fatto e i complimenti sono sinceri, bravo. Io ho 63 anni e nel 2000 dopo la Desert cup in Giordania volevo partecipare alla maratona de sable, purtroppo un tumore alla prostata ha rimandato la mia partenza. Il mio sogno è iscivermi e portarla a termine. Ciao.
    Lucio Bottiglieri

RSS feed for comments on this post · TrackBack URI

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: