GARIANO – L’articolo della Gazzetta

from www.gazzetta.it

Il racconto della guida ambientale ligure che è riuscita a portare a termine la scalata delle Seven Summits, le montagne più alte di ciascun continente: “Ho voluto vedere fino a che punto potevo arrivare”

Lorenzo Gariano, 50 anni, esulta al termine dell'impresa

Lorenzo Gariano, 50 anni, esulta al termine dell’impresa
MILANO, 20 aprile 2009 – “La vera impresa non è arrivare in vetta, ma inseguire i propri sogni credendo nella possibilità di realizzarli”. Lorenzo Gariano, 50 anni, ha da poco concluso la scalata delle Seven Summits, le montagne più alte per ognuno dei sette continenti. Chi è appassionato d’alpinismo, sa l’importanza di questo traguardo. Non è il primo italiano a riuscirvi (prima di lui Reinhold Messner, Alberto Magliano e Giuseppe Pompili) ma il primo non scalatore, certamente sì. “Ho voluto vedere fino a che punto potevo arrivare”. Un’impresa per tutti, insomma, a patto di non soffrire il mal di montagna e la summit fever. La febbre della vetta a tutti i costi.
LA VITA O LA VETTA – Come in quel primo tentativo di scalare l’Everest nel 2005. L’unico compagno di spedizione muore in cordata, ma Gariano decide di proseguire fino all’ultimo campo, a quota 8300 metri. La visibilità è scarsa, “posso non indossare la maschera protettiva” pensa. Quando la vetta dista solo 250 metri, un principio di congelamento a una guancia e a un occhio lo coglie di sorpresa. Il satellitare è fuori uso, congelato anch’esso. Deve desistere. “Quindi missione fallita?” gli chiedono oggi i ragazzi delle scuole, pescando l’espressione da chissà quale videogame. “Sì, fallita (sorride, ndr). Ma l’importante è riprovare”.
PER FARE UN UOMO – E’ una storia di tentativi, la vita di Lorenzo Gariano. “Nato nel Regno Unito da genitori calabresi – racconta – a 8 anni torno in Italia, da uno zio in Liguria, perché soffro di asma bronchiale cronica: ero impedito, non potevo neanche giocare a calcio”. Tra i libri preferiti, Le mie montagne di Walter Bonatti. “A 18 anni, terminati gli studi in agraria, torno in Inghilterra desideroso di libertà”. È il 1976 e per mantenersi comincia dai lavori più umili. Ben presto diventa padre di una bambina che dall’età di 10 anni crescerà da solo. Riesce a mettersi in proprio con un negozio di piante e fiori ma la perdita prematura del padre rimette tutto in discussione.
DALL’AFRICA ALL’ASIA – Cominciano i grandi viaggi, come l’attraversamento in solitaria del deserto del Mali. “Da questa sofferenza, anni dopo trovo la forza per cominciare a scalare”. La prima vetta, il Kilimanjaro in Tanzania, arriva per caso nel febbraio 1997. Nel marzo 2000 è sull’Aconcagua, nelle Ande argentine: il progetto delle Seven summits si fa largo. Lo stesso anno, nel settembre, conquista anche l’Elbrusm nel Caucaso. Nove mesi dopo è sul McKinley, in Alaska. L’avvicinamento all’Everest dura cinque anni, fino alla spedizione fortunata del maggio 2006. A dicembre Gariano è sul Carstenz Pyramid (Australasia), un anno dopo il Vinson Massif (Antartide) completa l’impresa.
VIAGGIO PER GLI ALTRI – “So di essere un viaggiatore che è andato oltre le proprie capacità. Per questo oggi mi sento di ricambiare verso quelle terre che me lo hanno permesso”. Tornato in Italia, Gariano ha deciso di dividersi tra l’attività in Liguria (dove fa la guida ambientale) e quella in Nepal. “Grazie alla onlus Travel for others abbiamo creato quattro sentieri culturali per un turismo più responsabile. C’è poi il progetto per fornire agli abitanti della vallata di Thame l’acqua potabile. Infine, a Kakani, un piccolo borgo rurale a 25 chilometri da Kathmandu, sorgerà una scuola dove i bambini potranno imparare mestieri per vivere dignitosamente nelle loro terre”.
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: