TENNIS – Fognini batte Volandri nel derby romano

from www.gazzetta.it

Internazionali d’Italia, nella sfida finita all’1.15 Volandri si arrende al tie-break del terzo set. Il serbo vincitore dello scorso anno non ha problemi contro Montanes. Dopo Cipolla e Starace, anche Bolelli eliminato al primo turno. Seppi, dopo rinvii e interruzioni a causa della pioggia, batte Querrey ed è ora atteso da Nadal

Simone Bolelli già fuori dagli Internazionali d'Italia. Ap

Simone Bolelli già fuori dagli Internazionali d’Italia. Ap
ROMA, 28 aprile 2009 – Doveva essere il giorno della pioggia, già si sapeva. E, in parte, lo è stato. Ma l’eliminazione di Simone Bolelli, da parte del tedesco Philipp Kohlschreiber (6-4, 1-6, 0-6), lascia più amaro in bocca del maltempo su Roma.
BOLELLI NON PASSA – Di azzurro c’è, non il cielo, la divisa griffata “Italia” di Bolelli, molto apprezzata dal pubblico, ma non sufficientemente vincente. La partenza del primo incontro sul campo Centrale (il via è alle 14.30, il fischio finale alle 18.30) ha subito un risvolto divertente: finiscono i palleggi di riscaldamento, le telecamere inquadrano lo striscione in Monte Mario (“non facciamo scherzi”), Kohlschreiber va a battere, alza la racchetta e con la pallina scende giù pure il più grande temporale della giornata. Prima sospensione. Tregua, si riprende mezzora dopo. Ma sul punteggio di 2-1 (30-0) per il tedesco è di nuovo pioggia. Pausa di un’ora. Un migliaio di persone aspettano e poi ritornano per la fine dell’incontro, in tribuna anche Max Giusti, grande appassionato di tennis, e – per la gioia dei fotografi – la bella fidanzata di Simone, Ximena Fleitas. Dopo il primo set, molto combattuto, con scambi potenti, veloci, mozzafiato. Ma gli altri due set, non hanno storia. Bolelli cede di testa e non fa gioco, anzi facilita quello dell’avversario. L’inspiegabile black out, ed un parziale di 12 giochi a 1, fanno uscire dal campo il bolognese tra qualche fischio. L’ottavo di finale dello scorso anno non è stato riagganciato. Ora, Kohlschreiber incontrerà lo spagnolo Robredo, che ha battuto il russo Safin in tre set (2-6, 7-6, 6-2).
FINALMENTE SEPPI – Finalmente ha giocato, ed è riuscito nell’impresa. In un incontro che avrebbe dovuto disputarsi lunedì, poi spostato al primo pomeriggio di oggi, poi interrotto, e rinviato a questa sera, causa maltempo, Andreas Seppi opposto all’americano Sam Querrey, esce dal campo osannato dal pubblico, che ne ha apprezzato la grinta e le ripetute rimonte. Con un punteggio di 3-6 6-4 6-3, è il quarto italiano che gioca nel torneo di Roma (dopo l’uscita di scena di Cipolla, Starace, e – oggi – Bolelli) e il primo a passare al secondo turno. L’altoatesino ha sfruttato l’occasione per vendicare la precedente sconfitta subita a Montecarlo, nel 2008 (positivo per Andreas, invece, l’altro precedente disputatosi sempre a livello di Masters1000, Parigi Bercy 2007).
IL MATCH – L’incontro riprende alle 20.30, sul campo Centrale, dopo l’interruzione del pomeriggio, sul punteggio di parità (3-3). Una prima parte di gara, molto incitata dalla tribuna Tevere, che cantava il classico “oh mamma, mamma, mamma, sai perché mi batte il corazon…..”, di maradoniana memoria, e parecchio combattuta. Seppi, 37esimo nel ranking, nella tranche serale, si appoggia molto bene ai colpi dell’avversario, e sferra spesso le sue accelerazioni improvvise, in un incontro di eccezionale forza fisica, imposta dall’avversario. Ma, sotto l’occhio vigile di coach Sartori, il picchiatore Querrey, numero 44 del ranking, non ha la meglio, anche se ha infilato una serie di efficacissimi servizi (con palla che viaggia a una media di 200 all’ora), spesso ace, e qualche sua discesa a rete. Nel secondo set, Seppi riprende in mano il gioco, dopo una fase di calo, in cui l’americano ha imposto la sua potenza, e riesce a chiuderlo con una grande rimonta. Nel terzo, invece, parte subito bene: entrambi giocano dal fondo, Seppi non sfrutta il match-point del 5-2, ma poi chiude l’incontro con un grande ace, che spiazza l’avversario. Adesso, se la vedrà con la testa di serie numero 1, Rafael Nadal, fresco vincitore del torneo di Barcellona, e al suo debutto al Foro Italico.
NOTTURNI – C’è qualcosa di straordinario negli incontri della notte. Con Djokovic che fa il suo esordio sulla terra rossa, imitando l’amico Fiorello, e vince facile. Con Fognini che batte Volandri (all’una e un quarto), e passa al secondo turno, insieme al sogno di arrivare agli ottavi sfidando lo spagnolo Ferrer. Con questo cielo carico di pioggia, che fa spuntare gli impermeabilini stretti in vita, sulle hostess del villaggio, unica nota glamour di questo maltempo, che causa rinvii alle partite e pure interruzione improvvise di elettricità.
ITALIANS – Si affacciano sul Centralino alle 22.30, con le rispettive famiglie sugli spalti a fare tifo e urlare grinta, per quasi tre ore di gioco. Da una parte il grande ritorno di Volandri nel tennis mondiale, dopo la squalifica per doping (subita ad inizio 2009 e poi annullata); dall’altra parte Fognini, in grande ascesa, che solo pochi giorni fa ha raggiunto gli ottavi di finale a Montecarlo, rendendo la vita difficile al numero 4 del mondo Andy Murray. L’incontro, molto equilibrato, finisce in tre set, 6-7, 6-1, 7-6: con Volandri che recupera il primo set, grazie a buone discese a rete, con Fognini che domina il secondo con l’ottimo gioco di fondo, con il terzo set che va avanti con un punto a testa, ma alla fine la freschezza del più giovane ha la meglio. Ora, Fognini incontrerà il francese Gilles Simon, numero 7 in classifica.
L’ULTIMO RE – Novak Djokovic, ultimo Re del Foro Italico, entra sul Pietrangeli mantenendo la promessa fatta a Fiorello, durante la registrazione del suo show: ha la parrucca nera dell’amico, e zoppica vistosamente. Ride lui, ridono tutti. Dall’altra parte della rete, Albert Montanes, il giorno prima vincitore su Potito Storace, serio, quasi impettito. E con la stessa decisione recupera il 5-3 del primo set imposto dal serbo, arrivando sul 6-6, anche se poi è Djokovic a chiuderlo (7-6) vincente. Nel secondo, invece, non ci sono speranze per lo spagnolo, che esce dal campo con un secco 6-0, grazie al gioco deciso da Djokovic, che passa il turno.
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: