BEACH VOLLEY – Bene la coppia italiana Varnier-Nicolai

from www.gazzetta.it

Varnier e Nicolai ai sedicesimi
E Gloria-Momoli cercano sponsor

La coppia azzurra batte al tie-break gli austriaci Huber-Gartmayer e prosegue nel suo cammino. Le ragazze, già qualificate, giocano la terza gara del Mondiale con la scritta sul costume “cercasi sponsor” e perdono con le tedesche Holwick-Semmler

STAVANGER (Norvegia), 1 luglio 2009 – Anche i ragazzi ce l’hanno fatta. Matteo Varnier e Paolo Nicolai accedono alla seconda fase del Mondiale, e da giovedì mattina giocano nei sedicesimi. A breve, dopo il sorteggio si saprà anche contro chi. Per una volta non andiamo troppo per il sottile,e non guardiano come, ci arrivano. Guardiamo al risultato che è ottimo. Varnier lo potrà testimoniare, ricordando quello che accadde all’ultimo Mondiale, due anni fa, a Gstaad, in Svizzera. Allora come oggi accedevano alla seconda fase le prime due classificate di ciascuno dei 12 gironi,più le otto migliori terze. Peccato che lui e Lione, unico duo italiano, risultarono essere la nona tra le terze. Quindi, evviva: stavolta abbiamo due coppie nei sedicesimi. Certo, il compito degli azzurri oggi non era proibitivo: dovevano battere gli austriaci Huber-Gartmayer che nelle precedenti due gare non avevano conquistato nemmeno un set. I due solitamente non giocano assieme: ma avendo Gartmayer i punti per qualificarsi tra le miglior 48 al mondo, si direbbe che ci abbiano provato. Huber, coi suoi 180 centimetri, è il più piccolo dei 96 beacher qui presenti: è di Klagenfurt, dove si gioca il Grand Slam che è il “Wimbledon” del beach. Lui è cresciuto facendo il raccattapalle. Ora nella sua città gioca anche indoor, in A-1: fa il libero. Gartmayer, invece, nel 2007 ha vinto l’Europeo con Doppler (allenati dall’italiano Marco Solustri). Compagno che ora ha lasciato perché nell’immediato futuro ha (anche) altri programmi. In Austria infatti è conosciuto anche col nome d’arte di Jamfish. Fa il cantante reggae e dopo diversi anni coi i Cheese Vibes ora ha pronto il suo primo album da solista.

RISCHI — Ecco spiegata la novità dell’accoppiata con Huber, con relativi mediocri risultati. Eppure i nostri hanno rischiato moltissimo. Per passare il turno dovevano per forza vincere. Perché nel frattempo gli Usa Jennings-Fuerbringer, scoperto (come altre 4 coppie) un buco del regolamento che avrebbe permesso loro di conservare il primo posto nel girone senza giocare sfruttando il gioco dei quozienti punti, hanno molto sportivamente deciso di dare forfait contro Schuil-Nummerdor. Complienti a loro, mentre gli olandesi si sono così visti condannati al terzo posto (passeranno, comunque). I nostri, in questa situazione avevano due alternative: vincendo sarebbero stati secondi, perdendo quarti e dunque a casa. Il primo set, battendo sul piccolo Huber, lo hanno vinto anche piuttosto agevolmente: 21-17. Ma nel secondo hanno fatto di tutto per rimettere in gioco gli austriaci. Che ne hanno approfittato (16-21). Stessa cosa nel tiebreak, in cui gli azzurri sono stati sotto 8-10. Quindi l’hanno girato: 13-9, perfino 14-11. Sembrava finalmente fatta. E invece no: tre errori di fila (!) e 14-14. Cambio palla di Nicolai. E poi muro dello stesso Nicolai per il 16-14. Domani è un altri giorno. Speriamo.

IRRICONOSCIBILI — Non è così che si trova la pubblicità. Daniela Gioria e Giulia Momoli hanno giocato il terzo turno del Mondiale con la scritta “cercasi sponsor” sul costume. Il fatto di essere fuori dal programma federale del 2009 le ha infatti costrette a pagarsi di tasca propria la trasferta in Norvegia, per la quale si erano qualificate con un ottimo finale di 2008. Però non è giocando così che puoi trovare qualcuno disposto ad investire su di te. Non parevano nemmeno loro quelle in campo contro le tedesche Katrin Holtwick e Ilka Semmler.

Daniela Gioria, 30 anni, e Giulia Momoli, 27. Fivb
Daniela Gioria, 30 anni, e Giulia Momoli, 27. Fivb

TESTA ALTROVE — Forse la certezza di avere comunque già passato il turno le ha ammosciate. Forse l’onore di giocare sul centrale le ha messo su di loro una controproducente responsabilità. O chissà cosa. Resta che le azzurre hanno fatto una brutta partita. In cui mai hanno dato l’impressione di poter tenere il ritmo delle avversarie che pure nel secondo parziale hanno fatto vedere quanto vulnerabili fossero. Perché è vero che fin qui Karin e Ilka nel 2009 hanno brillato, vincendo una tappa di EuroTour (a Gran Canaria) e arrivando seconde nelle altre due. Ma qui a Stavanger avevano già denunciato qualche difficoltà perdendo la gara d’esordio con le cubane Fernandez-Estevez. Magagne confermate nel secondo set con le azzurre: dove Gioria-Momoli hanno contenuto il passivo solo perché le tedesche hanno sbagliato parecchio.

I SORTEGGI — Mai comunque quanto le nostre. I numeri sono impietosi: 12 errori complessivi (9 nel solo primo set, uno scempio), 6 in battuta, almeno un’altra mezza dozzina di alzate sballate, 5 ace subiti, zero realizzati, come zero sono stati i muri e con un solo break in contrattacco in tutta la partita. Insomma: un disastro. Alla fine della giornata che è stata al tempo stesso di passione e di gioia, visto che il risultato di portare due coppie ai sedicesimi non ci riusciva da anni (negli uomini da Rio 2003, con le donne da Klagenfurt 2001), l’urna non è nemmeno stata così cattiva. A Varnier e Nicolai toccano i canadesi Van Huizen-Redmann (Can) che qui erano in una pool non irresistibile, ma che l’hanno comunque vinta con autorità. Gioria-Momoli trovano le sorelle austriache Doris e Stefanie Schwaiger, anch’esse vittoriose in tre gare su tre.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: