MOTOGP – Rossi in testa dopo le prime libere a Laguna Seca

from www.gazzetta.it

Libere a Laguna Seca
Rossi subito primo

Il leader del Mondiale conferma l’ottimo momento mettendo in fila i due grandi rivali Lorenzo e Stoner, quarto Pedrosa. Sesto Dovizioso, dodicesimo Capirossi

LAGUNA SECA (California, Usa), 3 luglio 2009 – Valentino Rossi è stato il più veloce al termine della prima sessione di prove libere del Gran Premio degli Stati Uniti, ottava prova del Motomondiale di velocità della classe MotoGP. Il campione del mondo e leader della classifica iridata ha fermato il cronometro sul miglior tempo di 1’21″951, soffiando a tempo scaduto la prima piazza al compagno di squadra della Fiat Yamaha, Jorge Lorenzo, secondo per 112 millesimi. Terzo tempo per la Ducati di Casey Stoner a 189 millesimi. Quarto a quasi sette decimi Dani Pedrosa con la Repsol Honda Hrc. Quinto l’altro spagnolo Toni Elias, con la Honda “satellite” del team San Carlo Gresini davanti all’altra Hrc di Andrea Dovizioso, quindi Marco Melandri con la Kawasaki dell’Hayate Racing. Loris Capirossi è 12°.RECUPERO — Undici mesi fa, Rossi si era presentato in California con sole 20 lunghezze di vantaggio e il morale un po’ sotto i tacchi. Perché con le modifiche d’elettronica dei test di Barcellona, l’accoppiata Stoner-Desmosedici sembrava imbattibile. E prove e qualifiche sui saliscendi di Laguna avevano confermato Casey a un ritmo inavvicinabile: i 9 decimi di vantaggio su Rossi delle libere, erano scesi a mezzo secondo in qualifica, ma restavano un abisso.

BATTAGLIA — Invece Vale tirò fuori dal cilindro magico una delle gare più emozionanti degli ultimi anni: cattivo e aggressivo come forse mai, mise la sua Yamaha davanti alla Ducati e rintuzzò ogni attacco. Ogni qualvolta Casey si portava davanti, immediatamente Valentino replicava. Nella memoria di tutti c’è il sorpasso (al limite o oltre, i tifosi continueranno a discuterne in eterno) sulla terra del Cavatappi, ma prima che Stoner finisse largo all’ultima curva, scivolando e dovendosi accontentare del 2° posto, Rossi si era inventato un altro capolavoro all’esterno della curva 3. Alla fine i punti di differenza tra i due furono 5, ma a livello morale la sconfitta dovette pesare parecchio su Stoner, che poi a Brno e Misano scivolò mentre era in testa, riconsegnando di fatto il titolo a Rossi.

Trio — Undici mesi dopo, la classifica è ancor più compatta: Rossi, Jorge Lorenzo e Stoner sono divisi da soli 9 punti. “E rispetto a un anno fa, questo è tutto un altro campionato, completamente aperto, e io mi ritrovo due grandi rivali” dice Rossi. Che sa come questa volta il manico del coltello sia nella sua mano. “Io ho vinto tre gare, Lorenzo e Stoner due, sarà fondamentale mantenere la concentrazione. Da due gare la moto funziona come piace a me, ad Assen era meglio che a Barcellona, e io mi sento più forte”.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: