Archive for DALL’ITALIA E DAL MONDO

…Oscar dello Sport…

Anche quest’anno il CONI di Imperia ha coinvolto l’IIS “C: COLOMBO” di Taggia nell’edizione 2011 dell’importante rassegna “OSCAR dello SPORT IMPERIESI”  svoltasi il 18 marzo al Teatro CAVOUR di Imperia.

Infatti, un gruppo  di ragazzi del “Liceo dello Sport” ha partecipato all’organizzazione e svolgimento dell’evento con ruoli di assistenza e supporto, in particolare citiamo ALBERTI Lucrezia, CARBONETTO Serena, LONDRI Francesca, LONDRI Nicla, MORABITO Beatrice, PORCARI Sara, TIRONI Tommaso e VIRGA Valeria.

Alcuni alunni del   “Liceo dello Sport” sono stati anche premiati per i successi riportati nella loro attività sportiva extra-scolastica: DI BARTOLO PIERA (atletica), SORECA DAVIDE (motocross), SICCARDI MATTEO (tennis) e VIRGA FEDERICO (calcio).

Matteo Siccardi

Davide Soreca

 

Piera Di Bartolo

Federico Virga e la sua squadra

I successi di questi ragazzi dimostrano che, con serietà e impegno, si possono conciliare obiettivi scolastici e obiettivi sportivi!!!!!!!

Lascia un commento

SPORT INTEGRABILE in provincia di IMPERIA

Lascia un commento

VOLLEY – Simone Parodi in un test match ad Imperia il 4 Novembre

GRANDE VOLLEY AL PALASPORT DI IMPERIA

MERCOLEDI’ 4 IN PROGRAMMA CUNEO-CANNES

Il test-match Trofeo Gino Auto Due Toyota è inserito nell’ambito del 2° International Volley Festival

In campo anche l’armese Simone Parodi, 23enne schiacciatore della nazionale italiana

Dopo le regine d’Europa, che a fine maggio hanno svolto un’amichevole a ranghi misti, il nuovo palazzetto dello sport di Imperia si appresta ad ospitare, nell’ambito del 2° International Volley Festival, una prestigiosa sfida internazionale maschile di serie A1. Mercoledì 4 novembre, con inizio alle ore 18.15 (ingresso libero), l’impianto di zona San Lazzaro, sarà teatro del test-match “Trofeo Gino Auto Due Toyota”, tra Bre Banca Lannutti Cuneo e As Cannes Volley Ball. Per entrambe le squadre, protagoniste da anni della massima categoria, l’appuntamentio cadrà dopo pochi turni di campionato (sei per la Pro-A francese, otto per la A1 italiana) e alla vigilia di nuovi importanti incontri: il Cuneo a Loreto e il Cannes in casa con il Tourcoing.

Nelle fila dei piemontesi giocano in questa stagione fior di campioni del calibro del serbo Nikola Grbic, del belga Wout Wijsmans, del bulgaro Vladimir Nikolov e poi ancora gli azzurri Luigi Mastrangelo, Francesco Fortunato e Simone Parodi. Grande è l’attesa per vedere all’opera quest’ultimo, schiacciatore classe 1986 di 195 cm, di Arma di Taggia, cugino del campione di beacher Matteo Varnier. Nuovo acquisto è anche il libero, il francese Hubert Henno, medaglia d’argento ai recenti Europei, che ha preso il posto di Daniele Vergnaghi, passato dal campo alla scrivania con il ruolo di team manager. Sulla panchina siede un giovane ed emergente tecnico, Alberto Giuliani. Dopo sei giornate di campionato, la Bre Banca (che mercoledì sera ha sconfitto 3-2 Perugia davanti alle telecamere di Rai Sport Più) occupa la quinta posizione, alle spalle di Trento, Modena, Treviso e Piacenza. Vestono invece quest’anno la maglia biancorossa del Cannes due soli stranieri, il belga Yves Kruyner ed il camerunense David Feughouo. Tutto il resto della formazione è francese: dal nazionale Samuele Tuia all’ex Sisley Treviso Pierre Pujol, ai fortissimi schiacciatori Ludovic Castard, Marien Moreau e Gérald Hardy-Dessources, tutti nel giro dei Blues. Il club della Costa Azzurra attualmente (tre incontri giocati) è terzo, dietro Tours e Tolosa. Il coach, ormai da diversi anni, è il 47enne Laurent Tillie, ex-nazionale con trascorsi anche in Italia, a Falconara, otto scudetti di Francia al suo attivo da giocatore.

Nel palmares del Cuneo, che in questa stagione disputa la Coppa Cev, mancano ancora lo scudetto e la Champions League, ma figurano, dal 1996 ad oggi, due Coppe delle Coppe, due Coppe Cev, quattro Coppa Italia, tre Supercoppe Italiana e due Supercoppe Europee. I transalpini vantano invece nella loro bacheca una Coppa delle Coppe (1999), una Coppa Cev, dieci scudetti (il primo addirittura nel 1940, l’ultimo nel 2005, protagonista anche l’imperiese Giacomo Giretto) e sette Coppe di Francia.

La sfida si inserisce nell’ambito del 2° International Volley Festival, kermesse che ha vissuto un interessante prologo a Diano Marina il 7 ottobre (di fatto il primo atto del confronto Italia-Francia, consumatosi al Palacanepa e chiusosi in parità: 3-0 del Nizza all’Igo Carige Genova e 3-1 del Riso Scotti Pavia al Le Cannet) e che proseguirà sabato 21 e domenica 22 novembre con la Latte Alberti Cup, serie di quattro tornei a livello giovanile (Under 14 femminile, Under 16 maschile) e seniores (Senior femminile 1/2/3^ Divisione e Amatori misto 4+2), le cui informazioni dettagliate sono disponibili sul sito www.forevervolley.org. Cuneo-Cannes, una sorta di bella italo-francese, dunque, diventa ancor più avvincente

Domenica 22 si svolgerà anche il 2° Torneo di San Leonardo, manifestazione di minivolley (2° Livello e Under 12) organizzata da Compagnia di San Leonardo, Fipav e Csi Imperia, nell’ambito dei festeggiamenti per il Santo Patrono.

L’iniziativa, accolta con entusiasmo dall’Amministrazione Comunale di Imperia, è riconosciuta ed autorizzata dalla Fipav ed è stata inserita nel calendario nazionale Csen (www.csen.it) con il rango di evento internazionale. L’organizzazione è curata da Asd Forever Volley in stretta collaborazione con le società del Pool New Volley e con il patrocinio e sostegno degli Assessorati allo Sport di Regione Liguria, Comune di Imperia, Comune di Diano Marina, Comune di San Bartolomeo al mare e Provincia di Imperia, con il patrocinio di Coni Imperia e Csen.

Comments (1)

MOTOGP – Rossi Campione del Mondo

from http://www.gazzetta.it

Valentino, mondiale n° 9!

Con il 3° posto nel GP di Malesia (vittoria di Stoner), Rossi conquista il nono titolo iridato, con una gara di anticipo

SEPANG (Malesia), 25 ottobre 2009 – Valentino Rossi è campione del mondo per la nona volta in carriera (sesta in MotoGP). In Malesia al pilota Yamaha basta il 3° posto in una gara più complicata del previsto, perchè corsa su pista bagnata (via ritardato di 35′ per l’allagamento del circuito). A Sepang trionfa Stoner con la Ducati, Valentino gareggia con prudenza e si scatena alla distanza, superando anche il grande rivale Jorge Lorenzo, a suggello di un titolo meritatissimo.

Lascia un commento

OLIMPIADI – Il CONI detta le regole per la candidatura del 2020

from http://www.gazzetta.it

Il Coni detta le regole
10 punti verso il 2020

Stilato un decalogo per chi volesse ambire alla candidatura ai Giochi. Il presidente Petrucci: “Per ora so di Venezia e Roma, delle altre prendo atto dai giornali”

Vietato usare i cinque cerchi senza autorizzazione. Afp
Vietato usare i cinque cerchi senza autorizzazione. Afp

ROMA, 21 ottobre 2009 – Prima Venezia, poi Roma. Poi Bari, Palermo e forse anche Milano. La corsa alla candidatura per i Giochi estivi del 2020 sta diventando una piccola farsa all’italiana, ma il Coni non ci sta e butta sul tavolo un decalogo severo a cui tutti devono attenersi. Dieci punti per fare ordine e chiarezza sulla metodologia da rispettare onde evitare che, come aveva detto il presidente Gianni Petrucci, “si sfornino candidature come pizze”. “Il decalogo detta le condizioni in base alle quali una città può definirsi candidata” ha spiegato Petrucci, sottolineando che la delibera della Giunta è stata unanime nel voler mettere nero su bianco i criteri. Proprio per fare ulteriore chiarezza Petrucci ha aggiunto: “Le due candidature ufficiali, quelle fatte per bene con i sindaci Alemanno e Cacciari, sono Venezia e Roma. Delle altre due (Bari e Palermo ndr) ne prendiamo atto dai giornali”.

Questo il decalogo varato:

1 – È fatto assoluto divieto di utilizzare i cerchi olimpici e ogni simbologia legata ai Giochi olimpici se non è stata ottenuta la preventiva autorizzazione del Cio, attraverso il Comitato olimpico nazionale.
2 – È fatto assoluto divieto di definirsi Città richiedente (“applicant City”) finquando il Comitato olimpico nazionale non ha approvato tale richiesta.
3 – Il Coni non potrà prendere in esame richieste di candidature da parte di Autorità di enti territoriali o di altri soggetti che non abbiano la legale rappresentanza della Città (art. 34, Carta olimpica).
4 – Nel caso in cui ci siano più potenziali Città richiedenti nello stesso Paese agli stessi Giochi olimpici, solo una Città potrà essere proposta, così come deciso dal rispettivo Comitato olimpico nazionale competente.
5 – Ogni Comitato olimpico nazionale è responsabile dell’osservanza e del rispetto della Carta olimpica nel proprio Paese.
6 – La Giunta Nazionale per dare attuazione a quanto previsto dalla Carta olimpica, in caso di pluralità di presentazione di richieste, seguirà un’analoga procedura con quanto avviene in ambito Cio, ovvero farà precedere la fase di scelta definitiva del Consiglio nazionale da una fase di minuziosa pre-selezione da parte della Giunta nazionale.
7 – A tal uopo la Giunta ha nominato un Comitato ristretto, composto delle più elevate rappresentanze istituzionali del Coni (Presidente, vicepresidenti e segretario generale), dai membri italiani del Cio e da un rappresentante degli atleti per l’istruzione tecnica delle proposte pervenute.
8 – In detta fase di pre-selezione delle candidature, la Giunta nazionale si conformerà ai criteri tecnici generali e ai termini temporali prioritariamente individuati dal Consiglio nazionale, in ossequio alle norme ed alla prassi adottate al riguardo dal Cio.
9 – Solo dopo questa fase e sulla base del rapporto di valutazione del comitato ristretto, la Giunta proporrà alla sessione del Consiglio nazionale del Coni I il nominativo o i nominativi delle Città che avranno superato la pre-selezione.
10 – Le città presentate dai singoli Comitati nazionali olimpici al Cio (“applicant City”) diventeranno “Città candidate” solo in base a una decisione del Comitato esecutivo del Cio che, a quel punto, le proporrà per la votazione della sessione del Cio.

Lascia un commento

NBA – Cambio di regolamento

from http://www.playitusa.it

Dopo averlo tollerato fino a questo momento, pur essendo una chiara infrazione di passi, la Nba ha deciso di legalizzare il terzo passo, vedi ad esempio ricezione in movimento e penetrazione stile Kobe o Lebren.
La Nba sul suo sito ufficiale, ha creato un pagina dedicata a questo cambiamento del regolamento (nella sezione videorulebook) dove si possono vedere alcuni esempi con spiegazione di casi dubbi e da chiarire. Su una sua comunicazione spiega meglio la regola: Un giocatore che riceve la palla durante la corsa o che sta per terminare l’azione di palleggio può effettuare 2 passi prima di tirare, passare o fermarsi.
Questo cambiamento si può spiegare con l’intenzione da parte della Nba di aumentare la fluidità e spettacolarità delle partite, anche se può avere delle controindicazioni quando la Nazionale Usa dovrà partecipare a Olimpiadi e Mondiali, in quanto in queste competizioni internazionali, viene utilizzato il regolamento FIBA dove non è concesso correre senza inziare il palleggio.

Lascia un commento

FORMULA 1 – Brasile, a Weber il GP, Button vince il Mondiale

from http://www.lastampa.it

Barrichello delude, l’inglese è iridato
E Brawn si prende il titolo costruttori

Da Lewis Hamilton a Jenson Button, la Formula 1 parla sempre inglese. Con una gara di anticipo rispetto al calendario, il pilota britannico della Brawn Gp è riuscito a laurearsi campione del mondo in una stagione sempre al comando fin dal primo Gran Premio in Australia. Non succedeva dal 2004, dai tempi di un certo Michael Schumacher: nel Gp del Brasile all’idolo delle ragazzine è bastato un quinto posto e i problemi incontrati dai suoi due diretti avversari per lasciare l’iride Oltre Manica. Il compagno di squadra brasiliano nella scuderia dell’ex di Maranello Ross Brawn, Rubens Barrichello, partito in pole non è andato oltre una insignificante ottava posizione, scavalcato in classifica anche dal tedeschino della Red Bull, Sebastian Vettel, giunto quarto al termine di una bella rimonta cominciata dalla 16/a piazza in griglia.

A vincere la corsa, per la cronaca, ci ha pensato l’australiano Mark Webber su Red Bull davanti alla Bmw di Robert Kubica e alla McLaren dell’ormai ex iridato Hamilton. Male le Ferrari rallentate dalle defaillance in avvio della McLaren di Heikki Kovalainen, sotto indagine da parte dei commissari Fia per l’uscita dai box con il bocchettone attaccato che ha ostacolato la Rossa di Kimi Raikkonen in fiamme per alcuni istanti. Solo sesto alla fine il finlandese, mentre l’altro ferrarista Giancarlo Fisichella non è riuscito a far meglio di un undicesimo posto.

Pronti via ed è subito safety-car: dopo il semaforo verde succede di tutto sul circuito di Interlagos. Barrichello scatta in testa davanti a Webber e Raikkonen, autore di una grande partenza. Iceman scavalca Trulli e Sutil che poi si toccano, vanno fuori pista e danno vita ad una lite plateale con l’abruzzese visibilmente arrabbiato. Poi arrivano i problemi per le due Ferrari: Fisichella va fuori pista per evitare una collisione con la McLaren di Kovalainen e dopo un breve tragitto sull’erba rientra in pista. Raikkonen subito dopo il buon avvio si ritrova con il musetto danneggiato ed è costretto a rientrare ai box dove nel rientrare nella pit-line viene ostacolato da Kovaleinen che riparte con il tubo attaccato.

Il finlandese rischia grosso, la sua F60 fa una spettacolare fiammata e dopo l’uscita della safety-car si ritrova solo 14/o. Sia questo episodio che quello che ha visto coinvolto Fisichella (16/o dopo il via) sarà posto sotto indagine da parte della Fia con imputato l’altro finlandese delle frecce d’argento. Fuori gara in avvio anche la Renault di Fernando Alonso coinvolta nell’incidente tra Sutil e Trulli.

La safety-car esce e la classifica vede in testa Barrichello seguito dalla Red Bull di Mark Webber e dalla Bmw di Robert Kubica. Il leader del Mondiale Button si ritrova in zona punti, mentre le Ferrari frenate dalle manovre di Kovalainen devono accontentarsi delle retrovie. Dopo sedici giri si ferma la Williams di un ottimo Nico Rosberg per problemi al cambio, lo segue dopo qualche giro la Bmw di Nick Heidfeld.

Dopo il primo pit-stop Barrichello da leader della corsa si ritrova terzo dietro a Webber e Kubica e con alle spalle il compagno di scuderia Button e Vettel. Qui cominciano a svanire i sogni di gloria del campione di casa: la sua Brawn perde via via competitività fino agli ultimo giri quando un problema ad un pneumatico lo relega all’ottavo posto. Risultato: Button alla bandiera a scacchi, sventolata da un sorridente Felipe Massa, è campione del mondo con 89 punti contro i 74 di Vettel, giunto quarto, e i 72 di Barrichello. La Brawn Gp fa festa anche per il titolo costruttori, mentre la Ferrari scavalcata al terzo posto della Mclaren attende il verdetto della Fia sulle manovre azzardate di Kovalainen

Comments (3)

Older Posts »