Posts Tagged brawn

FORMULA 1 – Vince la Red Bull, non malissimo le Ferrari

from www.gazzetta.it

Silverstone, trionfo Red Bull
Vettel 1°, Ferrari a punti

Il tedesco precede il compagno di squadra Webber e la BrawnGP di Barrichello. Felipe quarto con la prima rossa davanti a Rosberg, Button e Trulli. Raikkonen ottavo

SILVERSTONE (Inghilterra), 21 giugno 2009 – Se questa è la Red Bull che vedremo fino al termine della stagione il Mondiale di F.1 è probabilmente riaperto. Strepitoso il trionfo di Silverstone firmato naturalmente Sebastian Vettel e completato dal secondo posto di Mark Webber. Persino la super BrawnGP oggi ha fatto una figura magra, pesantemente rintronata dal ritmo infernale dei due piloti protagonisti dell’intero fine settimana. Una vittoria indiscutibile, con Rubens Barrichello relegato a 41” dal tedeschino che ha conquistato la terza vittoria della carriera, la seconda stagionale. E’ l’unico a esserci riuscito quest’anno a parte Jenson Button, oggi finito addirittura sesto dietro alla Ferrari di un ottimo Massa e alla Williams di Rosberg. Trulli settimo, al solito positivo, Raikkonen ottavo con la seconda Ferrari.

Vettel taglia vittorioso il traguardo di Silverstone. Ap
Vettel taglia vittorioso il traguardo di Silverstone. Ap

VANTAGGIO — Button conserva un vantaggio importante: ha 25 punti ma davanti c’è ancora più di metà stagione. Oggi sarebbe stato meglio finire al posto di Barrichello e il vero campanello d’allarme è che la sua macchina non è riuscita a far lavorare le gomme come la Red Bull, eccezionale nel suo nuovo step evolutivo che ha confermato le qualità di Adrian Newey. Il punto è tutto qui: se la BrawnGP non riuscirà a portare dei correttivi già nelle prossime gare il rischio rimonta è concreto. Anche perché Vettel, ma non è una notizia, è un pilota terribilmente pericoloso. Oggi scattava dalla pole e non ha dato scampo ai rivali. In 10 giri ha inanellato un giro veloce dietro l’altro scavando il vantaggio con cui ha poi trionfato. Barrichello alle sue spalle gli ha fermato Webber, l’unico che avrebbe potuto impensierirlo, così i due pit stop sono stati una formalità.STRATEGIA — La Ferrari non ha sfigurato. Certo, Massa ha chiuso a 45” dal vincitore e non è certo quello cui i tifosi erano abituati. Oltretutto ieri ha compromesso il fine settimana con l’11° tempo in prova. Ma di questi giorni bisogna accontentarsi anche di 5 punti (6 con l’ottavo posto di Raikkonen). Anche tenendo conto che Massa oggi ha fatto una gara notevole, supportato da una strategia che gli ha consentito di recuperare tantissime posizioni. E pure tenendo conto che Button ha chiuso dietro al brasiliano. Peccato per Raikkonen che era partito benissimo (5°) ma poi si è perso nel gioco dei pit stop. Gara terribile, invece, per la McLaren: Lewis Hamilton ha chiuso 16°, Kovalainen si è ritirato (incidente con Bourdais). Davanti al proprio pubblico è stata una vera figuraccia. Bravo Giancarlo Fisichella, 10°.

Lascia un commento

FORMULA 1 – Rottura tra Fia e Fota, presto un altro Mondiale

from www.gazzetta.it

Rottura Fia-Fota

Dopo l’annuncio dei team decisi a farsi un Mondiale alternativo, la Fia avvierà un’azione legale con effetto immediato contro la Ferrari e gli altri team riuniti nella Fota: “Violati precisi obblighi contrattuali”. La Ferrari: “Non commentiamo, già avviato l’arbitrato per tutelarci”

SILVESRTONE (Inghilterra), 19 giugno 2009 – L’accordo sulle regole 2010 non si è trovato, la Fota ha deciso di tenere duro e ha annunciato la separazione dalla Federazione internazionale. E adesso che succederà? Nascerà davvero un Mondiale alternativo a quello attuale? Sembra difficile immaginarlo però allo stato attuale la rottura c’è. E Mosley rafforza questa ipotesi annunciando un’azione legale con effetto immediato. Nel frattempo le iscrizioni al Mondiale 2010 sono congelate.

Bernie Ecclestone ha provato a mediare tra le parti. Epa
Bernie Ecclestone ha provato a mediare tra le parti. Epa

IL COMUNICATO FIA — Nella notte la Fota ha annunciato la rottura. Oggi a Silverstone proprio al termine della seconda sessione di prove libere è arrivata la replica, durissima, di Max Mosley che ha deciso di fare causa ai team per violazione contrattuali. Vano l’intervento di Bernie Ecclestone (che della F.1 detiene i diritti commerciali). “Gli avvocati della Fia hanno esaminato la minaccia della Fota di avviare un campionato alternativo – si legge nel comunicato – le azioni della Fota come insieme e della Ferrari in particolare costituiscono gravi violazioni di legge compresa l’interferenza volontaria in relazioni contrattuali, la diretta interruzione da parte della Ferrari di obblighi legali e una grave violazione in materia di diritto relativo alla tutela della concorrenza. La Fia avvierà azioni legali senza indugio”.

Flavio Briatore con Fabio Capello a Silverstone. Ap
Flavio Briatore con Fabio Capello a Silverstone. Ap

NO COMMENT — La reazione della Ferrari è stata affidata a un comunicato: “La Ferrari non intende fare alcun commento in merito al comunicato emesso oggi pomeriggio dalla Fia. Peraltro, la Ferrari desidera precisare di aver avviato già lo scorso 15 giugno un arbitrato contro la Fia per tutelare il rispetto dei propri diritti contrattuali nei confronti della Federazione stessa, inclusi quelli relativi al rispetto delle procedure di adozione dei regolamenti e al diritto di veto”.

DECISI — Stamattina i team erano parsi decisissimi a rompere definitivamente. “La nostra posizione? Rimaniamo sul comunicato di ieri notte, non abbiamo interlocutori al momento” ha spiegato Flavio Briatore. Il team manager della Renault ha spiegato la situazione: “Ora qualsiasi comunicato esca da parte della Fia, non è più un nostro interlocutore. Ecclestone da che parte sta? Parliamo di una governance della Formula 1, di una F.1 con regole chiare, una F.1 che vuole continuare a essere la F.1. Non di una Formula 8, perché non si può parlare neanche di Formula 2 o 3, ma di Formula 8. La decisione però al momento è presa, ora non abbiamo più interlocutori. Ci sarà un Consiglio Mondiale, si va avanti per un nostro campionato”. E anche Stefano Domenicali, direttore della Gestione sportiva Ferrari, era stato duro: “Ci sono due elementi importanti emersi dalla riunione di ieri: il primo è una grande unità di tutte le squadre – ha detto Domenicali – nonostante pressioni forti che arrivavano da vari lati, c’è unità tra i team per la coerenza delle cose chieste dalla Fota. Secondo, noi cerchiamo un accordo. Infatti non è stata ritirata l’iscrizione al Mondiale 2010 che resta valida se le nostre richieste verranno soddisfatte”.

I PILOTI — I piloti, che domenica corrono, stanno per lo più coi loro datori di lavoro, i team. Fernando Alonso è stato molto duro: “Dove corro nel 2010? Nella nuova categoria, non c’è dubbio. La F.1 è finita, se la faranno con gli stessi motori Cosworth per tutti, così non è più F.1”. Molto chiaro anche Sebastian Vettel: “Vogliamo correre contro i migliori piloti e i migliori team. Questo dice tutto: io e il mio compagno Mark Webber sosteniamo il nostro team”. Incerto anche Vijay Mallya, patron della Force India che con la Williams ha dato la sua adesione al prossimo Mondiale Fia: “A quale campionato parteciperemo? Dobbiamo pensarci. I costruttori hanno esperienza e soldi, non è semplice rimpiazzarli. Abbiamo bisogno di tempo per considerare le implicazioni. Da un punto di vista legale e commerciale, dobbiamo stare con la Fia”.

Lascia un commento

MOTORI – Bene la Ferrari nelle libere di Turchia

from www.gazzetta.it

Ultima sessione di prove che precedono le qualifiche nel segno della Ferrari: il brasiliano precede le due Toyota di Trulli e Glock. Poi Nakajima e Kubica. Le BrawnGP: Barrichello è sesto, Button settimo

ISTANBUL (Turchia), 6 giugno 2009 – C’è la Ferrari di Felipe Massa davanti a tutti (e piuttosto nettamente) nelle ultime libere del GP di Turchia che precedono le qualifiche in programma tra poco alle 13. Il brasiliano ha girato in 1’27″983 precedendo di un soffio le Toyota di Jarno Trulli e Timo Glock. Massa ha lavorato girando parecchio per riverificare il degrado delle gomme patito ieri ed effettivamente rispetto a ieri la pista è abbastanza migliorata, più gommata e meno sporca. Quarto tempo per la Williams di Nakajima davanti alla Bmw di Robert Kubica. Sesto e settimo tempo per le BrawnGP di Barrichello e Button che sembrano soffrire un po’. Le qualifiche chiariranno tutto.

La Ferrari di Massa in azione in Turchia. Afp
La Ferrari di Massa in azione in Turchia. Afp

attardate — Nono tempo per la Ferrari di Kimi Raikkonen. Un po’ attardate le McLaren: Lewis Hamilton è 12°, Heikki Kovalainen 15°. Penultimo tempo per Fernando Alonso. Sempre a proposito di McLaren prende sempre più corpo la possibilità che Nico Rosberg (oggi ottavo) finisca a Woking nel 2010. Lo ha ha confermato lui stesso in un’intervista all’inglese Indipendent in cui ha precisato comunque che la Williams ha un’opzione su di lui per la prossima stagione.

Lascia un commento

FORMULA 1 – Doppiatta Brawn GP, Ferrari 3° e 4°

from www.gazzetta.it

Button si aggiudica il quinto successo stagionale e consolida la leadership mondiale. Dietro di lui Barrichello e le Rosse di Raikkonen e Massa

MONTECARLO (Monaco), 24 maggio 2009 – Un eccezionale Jenson Button, una BrawnGP inarrestabile, una Ferrari ritrovata. Nel giorno in cui le rosse sono tornate competitive ai massimi livelli il Mondiale di F.1 ha però forse trovato il suo nuovo padrone. L’inglese ha magnificamente conquistato la gara più prestigiosa della stagione e per lui è la quinta vittoria su sei GP, un bottino ricchissimo che significa 51 punti. Chissà se sarà raggiungibile. Il secondo posto di Rubens Barrichello ha poi sancito la forza delle vetture ex Honda, dominatrici anche tra le stradine più insidiose del campionato.

PRESSIONE — Niente da fare per le generosissime prove di Kimi Raikkonen e Felipe Massa, terzo e quarto con le due Ferrari tornate competitive ai massimi livelli. E un po’ di rammarico c’è perché forse se Kimi non si fosse fatto bruciare al via da Barrichello magari un po’ di pressione a Button sarebbe riuscito a metterla. Ma il Cavallino può comunque festeggiare per aver nettamente battuto rivali come le Red Bull, che finora erano state più veloci. A punti anche Webber, Rosberg, Alonso e Bourdais. Bravo Giancarlo Fisichella, nono. Jarno Trulli ha chiuso 13°.

Jenson Button premiato dal  principe Alberto. Ap
Jenson Button premiato dal principe Alberto. Ap

principesco — Una vittoria in F.1 è sempre qualcosa di principesco. Oggi, però, proprio nel Principato Button è stato realmente superlativo. D’accordo, ha una macchina nata bene, è guidato dai box da un super stratega come Ross Brawn, è in forma, ha una fidanzata che fa girare la testa al paddock, il classico stato di grazia. Però bisogna riconoscere che guida anche stupendamente, non fa errori (contrariamente a Hamilton ieri o a Vettel oggi, finora celebratissimi). Ieri la pole nel finale, oggi una partenza perfetta dalla pole, una gestione di gara esemplare. Ha fatto sembrare facile una vittoria qui che è sfuggita a tanti fenomeni tra cui un certo Ayrton Senna. Mai una sbavatura, bravissimo veramente.

rimonta rossa — Le Ferrari hanno pagato un po’ la partenza. Kimi è stato scavalcato da Barrichello sullo start, Massa si è ritrovato dietro a Vettel in crisi con le gomme e ha perso tanto tempo. Per Felipe anche un taglio di chicane e nel restituire la posizione la beffa di ritrovarsi dietro a Rosberg, poi sorpassato con le soste ai box. Ma è stato altro tempo prezioso perso. In ogni caso il risultato di vedere le BrawnGP nel mirino è stato conquistato, il duro lavoro a Maranello comincia a pagare. Forse per il titolo è tardi ma le F60 possono disputare una grande seconda parte di stagione. Da dimenticare le prove della Bmw, della Toyota e della McLaren (Hamilton doppiato e Kovalainen ritirato): disastri che spiegano bene la portata di questa grande rimonta tecnica della Ferrari.

Lascia un commento

FORMULA 1 – Pole di Button, secondo Kimi, quinto Massa

from www.gazzetta.it

A Montecarlo il Cavallino è tornato competitivo. Raikkonen: “Domani darò il massimo per la vittoria”. Massa: “Dimostrazione che la F60 cresce”. Ma Button non scherza: “Straordinaria la pole qui. E sorpassare è difficile…”

MONTECARLO (Monaco), 23 maggio 2009 – Diavolo d’un Button! Quando la F60 di Raikkonen si è piazzata in cima alla lista dei tempi a una manciata di secondi dalla fine delle qualifiche, alla Ferrari ci si credeva davvero. Invece lo scatenato inglese magistralmente diretto dal diabolico Ross Brawn ha tagliato il traguardo accompagnato da una sovraimpressione impietosa: -0.025. Pole di un niente. A Montecarlo domani la preziosa partenza davanti al gruppo sarà quella del leader iridato. Ma al Cavallino è una giornata speciale: la rossa è tornata a spaventare i rivali. Il quinto tempo di Massa è lì a dimostrarlo. Domani inizia la vera stagione attesa dai tifosi italiani.

Raikkonen sfreccia vicino al mare. Ap
Raikkonen sfreccia vicino al mare. Ap

F60 NIENTE MALE — “La macchina non è andata per niente male – ha detto Raikkonen della Ferrari in conferenza stampa – la monoposto è andata sempre più migliorando, fin dalle libere. Nel Q1 ho fatto qualche errore, poi le cose sono andate meglio nel Q2. Nel Q3 avrei anche potuto fare un giro in più ma non so se sarebbe cambiato qualcosa. È bello tornare in prima fila. Domani sarà una corsa lunga e difficile. Sarà importante la partenza: qui il rettilineo è molto breve quindi il Kers sarà sicuramente d’aiuto ma non come altrove. È bello comunque essere tornati a lottare per le prime posizioni: darò il massimo per riuscire a vincere perché è solo questo quello che conta speriamo di poter lottare per la vittoria”. Raikkonen mancava dalla prima fila da qualcosa come 7 mesi. L’ultima volta successe il 18 ottobre del 2008: era il GP della Cina, partì alle spalle della McLaren di Lewis Hamilton e davanti al compagno di squadra Felipe Massa. Alla fine fu terzo, il brasiliano il secondo e la vittoria andò a Lewis.

Elkann: CHE RIMONTA! — Anche Felipe Massa è contento. Il quinto tempo a Montecarlo non è proprio una goduria ma di questi tempi ci si può accontentare. “Speriamo di riuscire a fare buona gara – ha detto il brasiliano – speriamo in un altro salto di qualità. Questo risultato è una nuova prova che la Ferrari cresce. Piano piano stiamo tornando a lottare per le posizioni migliori. Oggi purtroppo non sono riuscito ad avere mai un giro pulito a causa del traffico. Sarebbe stato bello finire con due auto nei primi tre posti – ha detto ancora Massa – la gara? Sicuramente è un buon risultato partire nei primi cinque, credo di avere l’auto per riuscire a lottare per posizioni migliori”. Al box Ferrari c’era anche un tifoso d’eccezione, John Elkann: “Sono contento – ha detto il vicepresidente della Fiat – la Ferrari è andata bene, siamo contenti di partire da un’ottima posizione, è la dimostrazione che la Ferrari è capace di rimontare”.

Button felice con la fidanzata Jessica. Epa
Button felice con la fidanzata Jessica. Epa

GIOIA JENSON — Il protagonista è stato ancora Button. Naturalmente ansioso di inserirsi domani nell’albo d’oro di chi vince questa gara unica: “Questa è una pista storica e difficilissima – ha detto l’inglese – tutte le pole position significano molto, ma conquistarla qui è straordinario. Oggi è stato veramente difficile, perché c’è stato grande equilibrio in pista. Apprezzo ogni singolo momento di questa stagione. Voglio rimanere in questa posizione, un rallentamento in questo momento equivale un peggioramento. Domani sappiamo che ci aspetta una gara durissima, anche se parto davanti e se è difficile effettuare sorpassi. Dall’esterno si può pensare che tutto sia perfetto. In realtà, nelle prime prove libere di giovedì non avevo idea di quale fossero le nostre condizioni. Poi ci sono stati progressi continui, questo è il grande pregio della monoposto quest’anno. Mi godo il momento -dice ancora – ma è una situazione particolare, è più stressante di quanto si possa pensare. Devo far punti in ogni circostanza”.

Lascia un commento

FORMULA 1 – Orari del GP e TV

Questi il programma e la copertura tv del GP di Monaco di F.1, in programma domenica a Montecarlo:

GIOVEDI

10-11.30 – Prove libere
14-15.30 – Prove libere
(diretta Sky Sport2 dalle 10)

SABATO

11-12 – Prove libere
14 – Qualifiche
(diretta Sky Sport2 dalle 11; Rai2 dalle 13.45)

DOMENICA

14 – GP di Monaco
(diretta Rai1 e Sky Sport2)

Lascia un commento

FORMULA 1 – Domenicali suona la carica

from www.gazzetta.it

Il responsabile del Cavallino sui problemi della rossa in Spagna: “Quello che è accaduto è inaccettabile per un team come il nostro. Il progresso c’è stato ma occorre che tutti prendano coscienza dei problemi, così non va”

MONTMELO’ (Spagna), 11 maggio 2009 – Il Mondiale per la Ferrari è probabilmente andato. Ma quello che non va giù a Stefano Domenicali è il modo in cui il fine settimana spagnolo è stato gestito. In queste due settimane a Maranello si è sputato sangue per risalire la china. E il risultato si è visto. La F60 modificata ha corso bene, non è apparsa affatto inferiore alla Red Bull e nemmeno troppo lontana dalla BrawnGP che finora sta dominando. Da un punto di vista tecnico si è assistito insomma a un piccolo miracolo. Eppure…

I PROBLEMI — Eppure il bilancio finale di Montmeló dice sesto posto di Felipe Massa e Kimi Raikkonen ritirato. Solo altri 3 punti presi. Con un altro brutto errore in qualifica (Kimi eliminato in Q1 restando fermo al box), un altro k.o. per un problema tecnico, un inedito problema con la macchina del carburante che ha immesso meno benzina. Errori, mancanza di affidabilità, anche sfortuna. Tutte cose che a questi livelli si pagano caro. Al Cavallino lo sanno e Domenicali ieri era davvero furibondo.

DURO — “Serve una reazione, una svegliata – è andato giù duro il responsabile del Cavallino – la macchina ora tiene il passo della Red Bull, lo sviluppo della performance è evidente, ma i problemi di affidabilità sono troppi: bisogna responsabilizzare tutti sul piano dei controlli e della metodologia, perché continuiamo a non essere all’altezza della situazione. Il progresso è evidente, ma ora la priorità è mettere in fila i problemi, serrare le fila, con una presa di coscienza di tutti, perché così non va”. Montecarlo tra due settimane non offre, sulla carta il tracciato giusto, per il riscatto vero: le rosse nel Principato non hanno avuto fortuna nelle ultime stagioni. “Visto come va, magari andiamo bene proprio lì” ha sorriso Domenicali.

IMPEGNO — Domenicali non vuol comunque sentir parlare di mollare la presa: “Tutto ciò che è successo è inaccettabile per una squadra come la Ferrari – ha detto – dobbiamo tutti reagire per tornare ai nostri standard così come siamo riusciti a recuperare parzialmente sul piano della prestazione. C’è tanto da lavorare, su tutti i fronti, ed è quello che continueremo a fare con un impegno assoluto”. Insomma, al Cavallino non è ancora arrivato il momento di pensare solo al 2010. La classifica, però, sarà difficilmente raddrizzabile.

Lascia un commento

Older Posts »