Posts Tagged di

WWW.PISTAPARCOARMA.IT – E’ on-line il nuovo sito della rassegna di natale del Comune di Taggia

Collegati a http://www.pistaparcoarma.it per vedere le attrazioni del Comune di Taggia nel periodo di Natale 2009

Comments (1)

SPORT IN GAME – Attesa per la finalissima

In questi giorni ad Arma di Taggia è in corso di svolgimento la seconda edizione di ‘Sport in Game’, una sorta di giochi senza frontiere locale, organizzata e gestita da una associazione fondata in seguito alla scomparsa prematura dell’amico Luca Valle (www.gliamicidiluca.it).

“Visto il gran numero di adesioni e la quantità di pubblico che affolla la passeggita soprastante e la spiaggia dove si svolge la manifestazione, per Arma di Taggia è veramente un grande successo – commenta così l’assessore alle Manifestazioni Andrea Lanteri – ed è una bella smentita per le persone che hanno sempre dichiarato la nostra città essere una località turistica per anziani con poche iniziative per i giovani”.

Nelle serate del 27 luglio, 3 e 6 agosto si sono svolte le fasi eliminatorie dove, sulla spiaggia dei Bagni la Fortezza, le squadre, suddivise in tre gironi ciascuno composto da sei squadre, si sono affontate, dimostrando grandi qualità tecnico-agonistiche in ben cinque giochi (Pinne, fucile ed occhiali, Acqua puzzle, Pollo in pentola, Scoppio e pastrocchio, Snow beach). Si sono qualificati aggiudicandosi il primo posto di ogni girone nelle tre diverse serate i concorrenti di Pizz’all–Mister Bike, Milano Assicurazioni di Galatà–Riviera Volley e Bagni Ruffini-Ristorante Vento Largo, quest’ultimi totalizzando un punteggio nonchè rilevante, portandosi al comando della classifica della serata con 50 punti dei 60 totalizzabili per serata, accedendo per diritto alla finale di giovedì 13 agosto, alle ore 21.00, presso la spiaggia dei Bagni La Fortezza.

Mentre i concorrenti che torneranno a sfidarsi domani, lunedì 10 agosto, nella semifinale classificandosi al secondo e terzo posto dei rispettivi gironi Bar Frog’s, Vespa Store-Ginnastica/Riviera dei Fiori, Osteria la Pecora Nera/Ass. Bauxi Gianchi/Tabaccheria Carlotta, Marina degli Aregai, Botti Catering-Playa Manola e Santini Arreda-Immagine Due Elle, per aggiudicarsi gli ambiti posti per la finalissima.

“Le prossime due serate – dice Luca Minghinelli, presidente dell’associazione ‘Gli Amici di Luca’ – saranno sicuramente animate da un duro scontro agonistico, dato l’alto tasso tecnico delle squadre presenti e la posta in palio (1° premio un viaggio per l’intera squadra con meta a scelta), e non mancheranno sorprese per il pubblico: infatti per la semifinale verrà dato più spazio allo spettacolo, con l’esibizione in salti acrobatici ed esercizi a corpo libero di atleti/e della Società Ginnastica Riviera dei Fiori e divertentissimi giochi per gli spettatori”.

Lascia un commento

SPORT IN GAME – Inizia questa sera la seconda edizione la rassegna sportiva principe dell’estate

from www.ilsecoloxix.it

Secolo 26-07-09 - Inizia Sport in Game 2009

from www.lastampa.it

Stampa 27-07-09 - Inizia Sport in Game 2009

from www.ilsecoloxix.it

Secolo 27-07-09 - Inizia Sport in Game 2009

SQUADRE DELLA PRIMA SERATA:

TIPOGRAFIA SAN GIUSEPPE

 CROCE VERDE ARMA DI TAGGIA

OSTERIA LA PECORA NERA – ASS. BAUXI BIANCHI – TABACCHERIA CARLOTTA

VETRERIA SAVET – GINNASTICA RIVIERA DEI FIORI

MARINA DEGLI AREGAI

MILANO ASSICURAZIONI G.B.A. di Galatà

GIOCHI DELLA SECONDA EDIZIONE:

Pinne, fucile ed occhiali
Un concorrente è situato ad una estremità del percorso stabilito. Al via si infila le pinne, la maschera ed il salvagente e correndo cerca di raggiungere, con un annaffiatoio pieno di acqua, effettuano un percorso a slalom, il lato opposto a sé, dove è situato un secchio dentro al quale svuotare l’annaffiatoio; questo contenitore poi viene preso da una compagna di squadra (donna) la quale, passando sdraiata sopra ad un “rullo umano” (composto dai restanti componenti della squadra che sdraiandosi uno accanto all’altro, ruotano su se stessi per far avanzare la concorrente), deve arrivare ad un punto stabilito per svuotare il secchio e tornare di corsa da dove è partita.
Vince la squadra che nel tempo previsto ( tempo massimo 4 minuti)  riesce a portare più acqua a destinazione.
Acqua Puzzle
Al via sei concorrenti di ciascuna squadra salgono sul canotto con le lettere che andranno a comporre la parola che gli è stata assegnata sino a raggiungere la boa di riferimento, mentre gli altri due concorrenti trasporteranno al seguito la piattaforma galleggiante che servirà per “traghettare” i suoi compagni dalla boa verso la riva. Non appena raggiunta la boa, il primo concorrente a bordo del canotto prenderà una lettera che andrà a comporre la parola predefinita ( parola di sei lettere), salirà in piedi sulla piattaforma galleggiante e, trasportato dai suoi due compagni, raggiungerà la riva per dirigersi poi nell’area sottostante al pubblico mostrando la propria lettera; la stessa procedura verrà utilizzata per gli altri 5 compagni. I traghettatori, quando avranno riportato a riva il sesto concorrente del canotto, dovranno lasciare sulla battigia  la piattaforma, nuotare sino al gommone, riportarlo a riva e raggiungere i suoi compagni che dovranno esporre in modo corretto la parola assegnatagli. Solo quando uno dei due traghettatori suonerà la tromba d’arrivo, il tempo verrà fermato. Vince la squadra che completa la parola nel minor tempo possibile.
Pollo in pentola
Un concorrente, al via, prende in mano il primo pollo, entra nel sacco di juta, e salta fino a raggiungere il suo compagno a metà percorso; sale sulla cariola e si fa trasportare sino alla parte opposta oltrepassando la passerella di legno. Appoggia il pollo nella catapulta e cercherà di centrare il medesimo nella pentola del “canestro” ( canestri composti da 2 persone una sopra l’altra a cavalluccio, con una pentola in mano come canestro).
Vince chi riesce a centrare più polli nel tempo massimo stabilito (tempo massimo 5 minuti). Gli altri concorrenti fungeranno da disturbatori durante lo svolgimento del gioco.
Scoppio e Pastrocchio
Due concorrenti per ogni squadra sono pronti sulla linea di partenza messi uno sopra le spalle dell’altro: quello che sta sopra indossa in testa un tappo da damigiana con degli spilloni attaccati ed è bendato. Al via i concorrenti cercheranno di scoppiare i palloncini posti in linea sopra di loro ( i palloncini saranno riempiti con acqua).Una volta scoppiati tutti i palloncini, uno dei due concorrenti dovrà entrare nella piscina di fango, cercare le palline del colore assegnatogli e consegnarli ai suoi quattro compagni che, messi uno a fianco all’altro con le caviglie legate uno all’altro, dovranno muoversi in modo coordinato per raggiungere il lato opposto e riporre gli oggetti in un contenitore. Vince la squadre che nel tempo stabilito (tempo massimo 5 minuti) riesce a portare più palline del colore assegnatogli nel recipiente. Gli altri componenti della squadra fungeranno da disturbatori durante lo svolgimento del gioco
Snow beach
Quattro persone di ciascuna squadra in fila indiana si posizionano sugli sci ( un paio di sci per tutti e quattro) legandosi i piedi agli elastici; il primo della fila terrà in mano un secchio. Al via partono ( la difficoltà sta proprio nell’essere coordinati tutti insieme) e all’andata devono scoppiare con gli sci prima i palloncini che trovano per terra lungo il percorso e al ritorno scoppiare con dei bastoncini quelli situati sopra di loro pieni d’acqua, cercando di farla cadere dentro al secchio del compagno che poi verserà l’acqua raccolta nell’apposito contenitore. Saranno presenti disturbatori che getteranno acqua verso i concorrenti. Vince chi avrà portato più acqua nel secchio nel tempo massimo stabilito (Tempo massimo 4 minuti).

Comments (1)

DOPING – Di Luca positivo, le prime dichiarazioni

from www.gazzetta.it

Doping al Giro d’Italia
Di Luca positivo al Cera

L’abruzzese, vincitore dell’edizione 2007, trovato con tracce di Cera in due controlli del Giro del Centenario, il 20 maggio ad Arenzano e il 28 a Benevento. “Se le controanalisi confermassero, smetterò di correre”

Danilo Di Luca è nato il 2 gennaio 1976. Ansa
Danilo Di Luca è nato il 2 gennaio 1976. Ansa

MILANO, 22 luglio 2009 – Danilo Di Luca, secondo al Giro d’Italia del Centenario, è risultato positivo al Cera (Epo di terza generazione) in due controlli della corsa rosa: i test sono stati effettuati il 20 maggio a Moncalieri (Torino) alle ore 7.50 e il 28 a Silvi Marina (Pescara) alle 7.24. I controlli sono stati effettuati dall’Uci, nel laboratorio parigino di Chatenai-Malabry, che ha già sospeso l’atleta. L’atleta abruzzese, vincitore del Giro 2007, ha commentato laconicamente la notizia: “Se anche le controanalisi dovessero confermare la positività, smetterò di correre”. Al Giro Di Luca si era imposto in due frazioni: la quarta con arrivo a San Martino di Castrozza e la decima con arrivo a Pinerolo e aveva strappato la maglia ciclamino finale a Denis Menchov che a questo punto dovrebbe subentrargli nella graduatoria a punti.

IL SUO COMMENTO — “Ma sarei stato così stupido da prendere la Cera un anno dopo che è stata scoperta a Riccò, Sella, Rebellin, al Giro d’Italia poi?”. Danilo Di Luca risponde così al telefono, mentre sta rientrando a Pescara, sulla sua sospensione per doping che gli è stata comunicata oggi dall’Uci. La notizia della positività è stata comunicata stamattina al telefono da un medico Uci alla moglie Valentina, direttamente a Pescara. Valentina Giuliani, figlia dell’ex corridore Stefano, l’ha poi rivelata al marito dopo la fine della tappa del Brixia Tour. “Cado dalle nuvole – ha detto Di Luca – è davvero strano, tanto che non so neanche dire come sto in questo momento”.

DOPING — I test mirati hanno prodotto esiti che sono stati confrontati con le informazioni contenute nel passaporto biologico dell’abruzzese. La sospensione provvisoria di Di Luca rimarrà in vigore fino a quando la Federazione italiana (Fci) deciderà se l’atleta abbia violato l’articolo 21 del regolamento antidoping dell’Uci. Di Luca, evidenzia l’Unione ciclistica internazionale, “ha il diritto di chiedere e attendere i risultati delle controanalisi relative a entrambi i campioni”. Se Di Luca dovesse essere squalificato sul podio finale salirebbe lo spagnolo Carlos Sastre mentre la vittorie di tappa andrebbe rispettivamente a Garzelli e Pellizotti. Di Luca ha alle spalle una sospensione di 3 mesi per le frequentazioni con il controverso medico Carlo Santuccione. Il 27 febbraio 2008 la Procura antidoping del Coni aveva chiesto 2 anni di squalifica per l’atleta, in relazione ai livelli ormonali anomali evidenziati dal controllo antidoping effettuato il 30 maggio 2007 dopo la 17ª tappa del Giro d’Italia. Il 16 aprile 2008, il Giudice di ultima istanza del Coni ha assolto il corridore.

ZOMEGNAN — Duro Angelo Zomegna, direttore del Giro: “Il tam-tam dei sospetti delle ultime settimane trova drammaticamente conferma nella non negatività del corridore Danilo Di Luca in due momenti del Giro d’Italia del Centenario. Confidiamo nella celerità delle inchieste che le autorità della giustizia sportiva e della giustizia ordinaria sono sicuramente chiamate a completare per arrivare a una soluzione definitiva e inconfutabile del caso. Una volta di più il Giro d’Italia – che da sempre sta dalla parte della pulizia e che nel 2009 ha investito nella caccia al doping come mai era accaduto nei primi cento anni – si scopre vittima di vicende negative, che obbligano noi organizzatori a valutare azioni appropriate a tutela dell’evento nella sua sostanza e nella sua immagine”.

Lascia un commento

DOPING – Incredibile, Di Luca positivo al Giro d’Italia

from www.gazzetta.it

Di Luca positivo al Giro

Il ciclista abruzzese sarebbe stato trovato con tracce di Cera in due controlli del Giro del Centenario

BRESCIA, 22 luglio 2009 – Un’incredibile anticipazione è emersa oggi all’ora di pranzo dal Brixia Tour, la corsa bresciana iniziata oggi. Danilo Di Luca, secondo al Giro d’Italia del Centenario, sarebbe stato trovato positivo al Cera (l’Epo di terza generazione) in due controlli della corsa rosa: il 20 maggio dopo la tappa di Arenzano e il 28 maggio dopo quella di Benevento. I controlli sono stati effettuati dall’Uci nel laboratorio parigino di Chatenai-Malabry.

Lascia un commento

SPORT – Arma di Taggia, campi da gioco per lo sport in spiaggia

from www.sanremonews.it

La polisportiva dilettantistica ‘Corpo e Movimento’, settore Riviera Volley, in accordo con il Delegato allo Sport del Comune di Taggia, Andrea Lanteri, ha predisposo una struttura permanente per il beach volley e beach sport, presso i bagni ‘La Fortezza’ ad Arma.

La struttura prevede 2 campi da gara regolamentari (non se ne trovano in tutta la riviera di ponente, dotati di impianto luci anche per le gare in notturna). “Finalmente possiamo dire che – ha evidenziato Giuseppe Privitera, dirigente del sodalizio – che un comune della riviera ha pensato ad una struttura del genere che consente di praticare vari sport da spiaggia in campi regolamentari. Proprio Arma di Taggia, città natale di Matteo Varnier, giocatore della nazionale e tra i primi al mondo nella classifica del beach volley, ci ha permesso di realizzare una struttura del genere. Un ringraziamento anche al lido la fortezza che ci ha concesso alcune sue strutture in uso gratuito per i due campi. Da sabato sarà possibile prenotare i campi anche in notturna per gli sport: beach volley, tennis, calcio e handball. Per informazioni ci si può rivolgere ai numeri 347/7561785 e 347/0884432.

Comments (1)

PALIO DI SIENA – Vince la Tartuca

from www.gazzetta.it

Palio: assolo Tartuca

A Siena, nella carriera dedicata alla Madonna di Provenzano, trionfa Giuseppe Zedde detto Gingillo su Già del Menhir. Mossa lunga proprio per le scintille tra le rivali Chiocciola e Tartuca, che poi parte bene e domina i tre giri di Piazza del Campo

SIENA, 2 luglio 2009 – La Tartuca, con Giuseppe Zedde detto Gingillo su Già del Menhir, è la contrada vincitrice del Palio di Siena del 2 luglio, dedicato alla Madonna di Provenzano. L’ultimo successo di questi colori risaliva al 2004, con Trecciolino su Alesandra. Per Gingillo si tratta della seconda vittoria in carriera, su 10 Palii corsi, dopo il trionfo dell’Agosto 2008. Soltanto nove le contrade al via per il forfait della Civetta dopo l’infortunio occorso al cavallo Iesael durante la prova generale.

Giuseppe Zedde, detto Gingillo, ha vinto il suo 2° Palio. Afp
Giuseppe Zedde, detto Gingillo, ha vinto il suo 2° Palio. Afp

SENZA STORIA — Al canape di partenza il mossiere chiama la Chiocciola, le favorite Istrice e Tartuca, poi Onda, Lupa, Pantera, Oca, Montone e Drago di rincorsa. Per le scintille tra le due rivali Chiocciola e Tartuca le fasi della mossa si protraggono a lungo. Dopo oltre un’ora e al terzo tentativo, finalmente, scattano in testa Tartuca, Lupa e Pantera. Prima curva di San Martino senza conseguenze, all’inizio del secondo giro risale l’Istrice, ma resta dietro per uno scambio di nerbate con la stessa Lupa. L’Onda si ferma per un problema al cavallo. Quella della Tartuca è una volata solitaria, con l’Oca che prova a risalire ma senza successo.

NOVE CONTRADE — Al Palio hanno dunque partecipato soltanto nove contrade, dopo l’infortunio occorso al cavallo della Civetta durante la prova generale di ieri sera. Iesael, questo il suo nome, ha riportato una frattura scomposta all’anteriore destro, subito operato. I veterinari assicurano: “Recupererà la propria mobilità”. Per la Civetta, a secco di vittorie dal 1979, si tratta del secondo forfait in due anni, dopo quello del 2007. Domenica prossima, intanto, l’estrazione delle tre contrade che parteciperanno al Palio del 16 agosto, oltre a Giraffa, Leocorno, Istrice, Civetta, Onda, Lupa e Chiocciola.

Lascia un commento

Older Posts »