Posts Tagged gp

MOTOGP – Vince Stoner, secondo Rossi, cade Lorenzo

from http://www.gazzetta.it

Vale: “Bellissimo pure così”
Stoner: “Quei gabbiani…”

Rossi felice (quasi) come se avesse vinto: “Casey è stato più veloce. Questi 20 punti sono fondamentali”. Casey: “Gli uccelli mi hanno un po’ disturbato. non mi sono mai sentito così bene”. Lorenzo: “Brutto errore, colpa mia”. Simoncelli continua nel rito scaramantico: “Non mi faccio illusioni, Aoyama ha 12 punti”

PHILLIP ISLAND (Australia), 18 ottobre 2009 – Come sempre quando non vince non è mai del tutto soddisfatto, è proprio un problema genetico. Però c’è secondo posto e secondo posto. Quello di oggi a Phillip Island per Valentino Rossi è qualcosa di liberatorio, qualcosa che dà tanta felicità minuto dopo minuto la vista della bandiera a scacchi. Jorge Lorenzo è caduto, ricacciato indietro di altri 20 punti (oltre ai 18 che già pativa) a due sole gare dalla fine. Dopo la caduta di Indianapolis e la sberla di Estoril, qualche fantasmino sulla strada del nono titolo si era fatto vivo: Casey Stoner che torna a ruggire, lo spagnolo carico, il rischio (teorico, ma sempre concreto nelle moto) che qualcosa vada storto. Invece un venerdì e un sabato perfetti, una prima curva in cui l’avversario diretto finisce per terra, una gara corsa bene in cui solo Stoner ha avuto qualcosa di più.

Rossi e Stoner sul podio di Phillip Island. Ap
Rossi e Stoner sul podio di Phillip Island. Ap

MACUMBE — Non è un secondo posto come gli altri, questo, e alla fine lo stesso Valentino lo ammette: “È stato il più divertente della mia carriera – dice ai microfoni a caldo – però ci ho provato fino alla fine. Ho tentato di prendere Casey, verso metà gara aveva un po’ rallentato. Poi però ha ricominciato a spingere forte. Avrei fatto fatica a superarlo. Ma va bene così, questi 20 punti per me sono fondamentali”. A Sepang potrà permettersi di arrivare quarto. E per quanto visto anche oggi, col quinto classificato, Edwards, a 35″, come valori in pista è proprio difficile immaginare che la festa non si tenga in Malesia, anche e soprattutto per presentarsi poi a Valencia solo per i saluti e le ulteriori celebrazioni. Meglio chiudere il discorso in Asia ed evitare di attirarsi addosso le macumbe degli spagnoli, che in casa vorrebbero vedere avverarsi un miracolo.

IN FORMA PERFETTA — Oggi comunque è anche bello e giusto celebrare la strepitosa vittoria di Casey Stoner. L’australiano, al terzo successo di fila sulla pista di casa, ammette che le cattive condizioni di salute sono ormai un ricordo, confermando che probabilmente il malessere è stato solo qualcosa di nervoso. Non si batte Valentino Rossi in questa maniera se non si è al top. Alla fine l’ex iridato 2007 conferma: “È stata la migliore condizione in gara da due anni a questa parte – ha detto il vincitore – sono tornato in forma e per questo voglio ringraziare il mio team per il supporto che mi ha dato e i miei sponsor per avermi permesso di scendere in pista con una livrea dedicata. In gara abbiamo sempre mantenuto un passo ragionevole. A un certo punto qualche gabbiano mi ha dato fastidio e mi ha rallentato, poi ho ripreso il mio ritmo”.

Jorge Lorenzo torna mestamente ai box così. Ap
Jorge Lorenzo torna mestamente ai box così. Ap

BRUTTO ERRORE — Jorge Lorenzo è invece il volto deluso di questo GP. Quello che non riesce a mandar giù, più del titolo probabilmente andato in fumo (ma che comunque restava difficile) , è l’errore alla prima curva: “È stato completamente un mio errore – ha detto Jorge – non me lo apsettavo da me un simile sbaglio. Ho totalmente calcolato male la distanza dalla linea, Hayden ha frenato in anticipo rispetto a quando mi immaginavo e l’ho toccato. Ho danneggiato il freno anteriore, pensavo di poter recuperare la linea e invece ho perso l’anteriore. Ho una piccola ferita al naso e al mignolo di una mano ma poteva anche andare peggio. Queste sono le corse, il titolo era comunque molto difficile. Ora vediamo che succede nelle prossime due gare”.

Marco Simoncelli festeggia con De Rosa (3°) sul podio. Ansa
Marco Simoncelli festeggia con De Rosa (3°) sul podio. Ansa

SIMONCELLI PRUDENTE — Grande protagonista di questo fine settimana australiano è anche Marco Simoncelli. Il romagnolo adesso è staccato di soli 12 punti da Aoyama. Il giapponese, solo settimo, sembra cominciare a sentire la pressione. Marco, però, fedele alla linea scaramantica decisa a Estoril, preferisce mantenere il profilo basso malgrado la comprensibile felicità: “È stata una gara difficilissima perché lo scorso anno la moto in questo circuito andava veramente bene, ma in questo weekend abbiamo fatto fatica a trovare un setting accettabile – ha detto – per fortuna non è stato solo un nostro problema. A inizio gara la gomma dietro scivolava molto, ma ho visto che riuscivo a essere veloce e ho continuato a tirare e a spingere il più possibile. Sono anche riuscito a staccare i miei inseguitori a un certo punto. Ma sono contentissimo per me e per Raffaele De Rosa che ha conquistato il suo primo podio e se lo meritava. Ora il mondiale si è riaperto ma non mi faccio illusioni, Aoyama è ancora avanti di 12 punti. Mi fa piacere comunque essere stato molto costante nella seconda parte della stagione, questo mi fa ben sperare per le ultime due gare”

Lascia un commento

MOTOGP – Vince Dovizioso, Rossi quinto

from www.gazzetta.it

Moto GP, Dovizioso trionfa a Donington, 5/o Rossi

Andrea Dovizioso ha vinto a Donington il Gran Premio di Gran Bretagna. Per il forlivese della Honda è il primo succeso in Moto GP. Quinto Rossi, scivolato mentre era al comando, settimo Melandri, ottavo Canepa. Fuori per caduta Lorenzo, staccato Stoner

Lascia un commento

MOTOGP – Pole Position di Rossi in Inghilterra

 

Rossi cerca la fuga su Lorenzo
«La pole position? Una bella sorpresa»

Valentino partirà davanti a Pedrosa e Lorenzo. Pericolo di pioggia per la corsa britannica 

MILANO – L’ultimo Gp d’Inghilterra che si corre a Donington (il prossimo anno la gara si disputerà a Silverstone) è sotto la minaccia di pioggia, che già ha condizionato le prove di venerdì. Rossi, mago del bagnato, potrebbe approfittarne per allungare nel mondiale sul compagno di squadra Lorenzo e infatti ha realizzato la pole position davanti a Pedrosa e allo stesso Lorenzo.

LE PROVE – Con il tempo di 1’28″116 Valentino Rossi (Yamaha) ha ottenuto la pole position, secondo lo spagnolo Dani Pedrosa (Honda) staccato di 95 millesimi, terzo Jorge Lorenzo (Yamaha). La seconda fila è aperta dall’australiano della Ducati, Casey Stoner. Quinto Andrea Dovizioso (Honda). Nella 125 Bradley Smith su Aprilia con il tempo di 1’37″442 davanti agli spagnoli Marc Marquez su Ktm e Julian Simon su Aprilia. Primo italiano è Andrea Iannone su Aprilia (1’38″484), decimo.

INCOGNITA PIOGGIA – «La pole position è importantissima, ma se domenica l’asfalto sarà asciutto dovremo trovare un assetto migliore con la gomma dura», ha commentato Rossi dopo la pole position. «Abbiamo avuto difficoltà quando abbiamo montato gli pneumatici più duri, poi abbiamo fatto passi avanti con la gomma morbida». Secondo le previsioni meteo, la pioggia potrebbe condizionare la gara. «Se dovremo correre sull’asfalto bagnato, abbiamo a disposizione le informazioni raccolte nelle prove di venerdì».

«UNA BELLA SORPRESA» – «Per me fare la pole oggi – afferma Valentino Rossi dopo il turno di prove ufficiali – è stata una bella sorpresa. Questa mattina abbiamo avuto molti problemi di setting per quanto riguarda la ciclistica e non mi sono trovato bene con le gomme dure. Poi nelle prove ufficiali ho usato le gomme soffici e contrariamente a quanto credessi, sono andato molto forte. Anche se domani sappiamo già che pioverà partire davanti a tutti sarà un bel vantaggio». Positivo anche lo spagnolo Dani Pedrosa, che ha chiuso le prove ufficiali in seconda posizione alle spalle di Rossi. «Nelle libere di questa mattina – conferma Pedrosa – siamo andati molto meglio rispetto a questo pomeriggio. Durante le prove ufficiali mi sono ritrovato davanti molti piloti più lenti di me che mi hanno disturbato e non mi hanno fatto mantenere il mio passo. Sono certo che domani sarà una bella gara e sono pronto per la pioggia». Jorge Lorenzo, completa la prima fila del Gp d’Inghilterra. Lo spagnolo, rispetto a Rossi, ha un problema inverso con gli pneumatici della sua Yamaha. «Siamo andati meglio con la gomma dura – analizza Lorenzo – che con quella soffice. Davvero questo non ce l’aspettavamo. Comunque non ho problemi tali da non essere competitivo per domani. Sono a posto, qualunque sia la condizione meteo».

Lascia un commento

MOTOGP – Rossi vince ancora

from www.gazzetta.it

Rossi, altro capolavoro
Lorenzo si arrende ancora

Emozionante vittoria di Valentino in Germania: il pesarese sorpassa a due giri dalla fine lo spagnolo e poi difende la posizione da campione. Terzo Pedrosa, quarto Stoner, quinto un ottimo De Angelis

SACHSENRING (Germania), 19 luglio 2009 – Ancora Valentino Rossi, ancora una prodezza a pochi metri dal traguardo, ancora Jorge Lorenzo la vittima del campione, che oggi al Sachsenring ha raggiunto le 101 vittorie e i 159 podi di Giacomo Agostini. A Montmeló il dottore aveva sfoderato un sorpasso all’ultima curva, oggi l’ha operato a due giri dalla fine e all’inizio dell’ultimo passaggio ha chiuso la porta in faccia a Lorenzo. Che ci riproverà, che malgrado condizioni fisiche non ottimali resta un signor pilota, che ha il futuro dalla sua parte. Ma che anche oggi se ne torna a casa a orecchie basse. Non è bello sapere che l’avversario da battere per diventare il numero 1 è ancora troppo numero 1. La pista però non mente e Valentino adesso allunga: da quattro gare finisce davanti ai rivali diretti, ora ha 14 punti su Jorge.

Valentino Rossi esulta dopo la vittoria. Epa
Valentino Rossi esulta dopo la vittoria. Epa

GOMME — Sul podio anche Daniel Pedrosa. Il trionfatore di Laguna Seca ha domato la Ducati di Casey Stoner, brillante all’inizio e a metà gara ma poi risucchiato. Quinto posto che vale come una vittoria per Alex De Angelis, oggi molto competitivo. La gara è stata un po’ strana, tutta vissuta sulla gestione delle gomme per non rischiare nel finale. Chi ci ha rimesso per le gomme è stato proprio Andrea Dovizioso. Il forlivese è rimasto a contatto coi migliori fino a quando il suo pneumatico anteriore si è quasi interamente consumato.

Rossi precede Lorenzo in volata. Ap
Rossi precede Lorenzo in volata. Ap

STACCATE — Rossi è partito in testa seguito dai soliti noti. Poi si è ritrovato con la Ducati di Stoner davanti. L’australiano è parso in ripresa ma poi a metà gara Valentino e Lorenzo hanno preso il controllo della situazione. Si è rivisto il duello di Barcellona, si è atteso il finale. Ha dato il via alla contesa lo spagnolo, con una grandissima staccata in fondo al rettilineo a 5 dalla fine. Valentino lo ha seguito e lo ha fulminato nello stesso punto a due dalla fine. All’ultimo giro Jorge ci ha riprovato ma si è ritrovato con la ruota posteriore di Vale di fronte alla sua moto. E’ finita lì. Tutto è ancora aperto dice l’aritmetica, tutto può accadere bisogna sempre restare concentrati, ovvio. Quello che si vede in pista e in classifica, però, fa già capire come andrà a finire.

Lascia un commento

MOTOGP – Pole Position di Rossi

from www.gazzetta.it

Germania sotto l’acqua
Il motoscafo è Valentino

Il pesarese della Yamaha ha conquistato la pole del GP di Germania davanti a Lorenzo e Stoner. Spettacolare caduta di Hayden che va contro a Canepa. A terra anche De Angelis, Elias e Capirossi. Grande anche Simoncelli in 250. In 125 pole di Simon

SACHSENRING (Germania), 18 luglio 2009 – Pioggia a dirotto sulle qualifiche MotoGP del GP di Germania: ci voleva una guida da mostoscafo e il miglior navigatore è stato Valentino Rossi con la sua Yamaha. Voleva fortemente la pole il pesarese, ci è riuscito alla sua maniera: spettacolare ultimo giro e miglior parziale davanti a Jorge Lorenzo che ha così dovuto masticare ancora amaro. Terzo tempo per Casey Stoner con la Ducati: l’australiano non è apparso ancora in gradissima forma. Quarto tempo per Hayden davanti a De Angelis e De Puniet. Daniel Pedrosa è ottavo, nono tempo per Loris Capirossi, 11° per Dovizioso, 13° per Marco Melandri. Niccolò Canepa 15°.

Jorge Lorenzo in azione in Germania. Reuters
Jorge Lorenzo in azione in Germania. Reuters

TANTE CADUTE — Purtroppo diversi dei protagonisti citati sono caduti durante le prove. L’incidente più spettacolare ha coinvolto Hayden e Canepa. Lo statunitense è stato sbalzato dalla sua Ducati ed è atterrato in volo contro l’italiano che stava impostando la curva davanti a lui. Hayden non si è fatto nulla mentre Canepa è caduto rovinosamente: è stato portato via in barella piuttosto malconcio anche se non sembra aver riportato grossi danni. Cadute anche per De Angelis, Elias e Capirossi.SUPER SIMONCELLI — Grande prestazione anche per Marco Simoncelli in 250. Il romagnolo della Gilera ha centrato la pole confermando di essere uno dei migliori sul bagnato. Curiosamente il suo tempo gli consentirebbe di partire dietro a Rossi in MotoGP. Dietro a Maro gli eterni rivali Hector Barbera e Alvaro Bautista. Poi c’è il giapponese Aoyama. Mattia Pasini è sesto davanti a Debon e Faubel.

BENE SIMON — Prima si è invece disputata la sessione delle 125. Lo spagnolo Julian Simon ha conquistato la pole fermando il cronometro sul tempo di 1’38″671, precedendo di oltre un secondo il compagno di squadra Bradley Smith, secondo con 1’39″686. Terzo crono per un altro spagnolo, Marc Marquez, che su Ktm ha girato in 1’40″100, a 1″339 da Simon. Solo nono, invece, Simone Corsi, che su Aprilia non va oltre l’1’41″129, a quasi due secondi e mezzo da Simon, mentre sono molto più indietro Lorenzo Zanetti (18°) e Andrea Iannone (22°).

Lascia un commento

MOTOGP – GP di Germania, Rossi vuole la Pole Position a tutti i costi

from www.gazzetta.it

Valentino: “Pole a tutti i costi
Qui è difficile sorpassare”

Rossi e il Sachsenring: “Questa è forse la pista del Mondiale meno adatta a superare, quindi la pole diventa fondamentale. Mi preoccupa Pedrosa, il venerdì non è mai andato forte ma stavolta è già li davanti”

SACHSENRING (Germania), 18 luglio 2009 – Terzo e contento. Valentino Rossi non pare preoccuparsi troppo del miglior tempo di Casey Stoner (“Qui va forte e la Ducati funziona”), non si cura dei problemi fisici che hanno fatto iniziare al rallentatore il weekend di Jorge Lorenzo (“Comincerà a girare forte nelle qualifiche”), mentre mette nell’obiettivo Daniel Pedrosa, ieri di appena 54 millesimi più veloce di lui e considerato come il principale ostacolo tra sé e la vittoria numero 101 in carriera. “Mi preoccupa Pedrosa, perché il venerdì non è di solito il suo giorno migliore, ma è già lì davanti e,ora che è sano, sarà uno con cui lottare per la vittoria: se si qualificherà nelle prime due file, alla prima curva sarà la sua la moto davanti a tutti”.

POLE — L’obiettivo è chiaro: “Questa è forse la pista più difficile per superare. A un certo punto mi sono trovato alle spalle di Canepa e nonostante fossi molto più veloce, ho dovuto faticare per passargli davanti: i punti veri dove sorpassare qui sono solo due, quindi partire dalla prima fila sarà cruciale e la pole sarà un bel vantaggio”.

Lascia un commento

FORMULA 1 – GP di Germania, Pole di Webber, male le Ferrari

from www.gazzetta.it

Webber: “Giorno speciale”
Button: “GP interessante”

L’australiano felice per la prima pole: “Ottimo risultato malgrado il caos per la pioggia”. Il leader iridato: “Bravo Mark, domani vediamo che succede”. Vettel un po’ deluso: “Domani sarà dura”. Massa: “Siamo competitivi per i punti ma il podio mi sa che è impossibile”

NURBURGRING (Germania), 11 luglio 2009 – “È stata una giornata speciale per me, mi sono avvicinato anche in passato alla pole ma oggi finalmente ho fatto un ottimo risultato”. Mark Webber non riesce a contenere la gioia per la prima pole position in carriera nel GP di Germania ottenuto con la Red Bull. “La macchina va bene, i tecnici hanno lavorato bene. Devo dire che alla fine sono riuscito a fare il tempo quando serviva – spiega l’australiano – perché oggi era davvero caotico capire cosa fare. Alla fine, però, ho avuto tre settori puliti e sono riuscito a fare la pole”. L’autraliano domani ha l’occasione di competere per la vittoria di una gara molto delicata per il Mondiale. In teoria, essendo a soli 4.5 punti da Vettel, vincendo domani potrebbe autorevolmente diventare pure lui candidato al titolo dietro a Jenson Button.

Mark Webber sorride dopo la pole. Ap
Mark Webber sorride dopo la pole. Ap

SPALLE — Dovrà però guardarsi le spalle perché le due BrawnGP sembrano aver cambiato marcia rispetto a Silverstone. Il secondo tempo ce l’ha Rubens Barrichello: “Sono felice in quanto sono state buone qualifiche – dice il brasiliano – soprattutto quando si hanno le gomme giuste. Siamo usciti con le slick e poi siamo rientrati per mettere le intermedie. Stavo cercando di fare il giro e ho capito che le gomme non erano giuste. C’era una situazione di confusione, nessuno mi ha risposto alla radio, poi tutto è andato bene”. Il leader del mondiale Jenson Button partirà in seconda fila dalla terza posizione, subito dietro il proprio compagno di squadra. “Sono state prove divertenti – dice – io e Rubens siamo nei primi tre posti e quindi è andata bene. Complimenti a Mark Webber per la sua prima pole. Domani prevedo una corsa interessante, il tempo sarà simile a oggi, ci vorrà un po’ di fortuna, vediamo cosa faranno gli altri”.VETTEL DELUSO — Un po’ deluso Sebastian Vettel. Il quarto posto complica un po’ i piani e forse non era quanto sperato. Peraltro tutto è ancora possibile. “Diciamo che è stata una giornata difficile, soprattutto nella Q2 – ha detto il tedesco della Red Bull – nella Q3 la pista era asciutta ma è stato lo stesso difficile fare un buon tempo, certamente potevo essere più vicino alla prima fila”. Il giovane pilota sa che che avere le due BrawnGP davanti oltre al compagno di squadra in pole renderà difficile il GP di domani: “Sarà dura ma vediamo cosa potrà accadere con il tempo”.

STRATEGIA FERRARI — Delusi anche i ferraristi. L’ottavo e il nono tempo in qualifica non sono un gran risultato. “La nostra strategia – spiega Massa – è stata pensata per fare punti e infatti siamo entrati in Q3. Il podio? Quello, francamente mi sembra impossibile”. Felipe è realistico, ma non per questo rassegnato: “Cercheremo di fare il massimo, come sempre – dice il pilota brasiliano – chiaro che poi sarà necessario valutare come sono messi quelli davanti a noi. Noi abbiamo imbarcato parecchia benzina”. Kimi Raikkonen conferma: “Abbiamo una buona strategia, speriamo di sfruttarla in gara”

Lascia un commento

Older Posts »