Posts Tagged terremoto

SPORT – Al via i Giochi del Mediterraneo in Abruzzo

from www.gazzetta.it

Al via i Giochi Mediterraneo
Sarà l’edizione dei record

Oggi partono i sedicesimi Giochi nell’Abruzzo colpito dal terremoto con 23 Nazioni iscritte. Alle 16 la Cerimonia dell’Acqua a L’Aquila, poi alle 18 s’inizia con Italia-Siria di calcio. Per la prima volta c’è Casa Italia che ospita i 456 atleti azzurri. Intanto l’Assemblea del Comitato internazionale dei Giochi ha confermato l’algerino Ammar Addadi presidente

PESCARA, 25 giugno 2009 – E’ stata una lunghissima corsa ad ostacoli, prima con i problemi economici, che hanno fatto pensare allo spostamento da Pescara ad altra sede, poi con la tragedia del terremoto, che continua tuttora a impaurire l’Abruzzo, ma alla fine i Giochi del Mediterraneo sono pronti a partire. La 16ª edizione della manifestazione inventata nel 1948 e inaugurata nel 1951 ad Alessandria d’Egitto avrà domani sera la cerimonia inaugurale nello stadio Adriatico a Pescara, ma già oggi ha un prologo, sportivo e no, di grande importanza.

La Fontana delle 99 cannelle, simbolo di L'Aquila, luogo della Cerimonia dell'Acqua
La Fontana delle 99 cannelle, simbolo di L’Aquila, luogo della Cerimonia dell’Acqua

VIAGGIO NELL’ACQUA — Alle Olimpiadi c’è il viaggio della fiamma, qui c’è quello dell’acqua, a simboleggiare l’elemento che unisce le 23 Nazioni partecipanti ai Giochi. Oggi pomeriggio, dalle 16, comincia la Cerimonia dell’Acqua, a L’Aquila, dalla Fontana delle 99 cannelle, simbolo del capoluogo abruzzese martoriato dal terremoto e anche dal “dopo”. Il programma prevede che l’acqua sarà raccolta dalla fontana, e versata in un’anfora detta Anfora Madre, da Romina Carrozzi, la mamma di Giorgia, la prima bimba nata dopo il terremoto a Paganica. E la stessa Giorgia, in braccio alla madre, dovrebbe partecipare alla cerimonia. L’acqua sarà versata in ampolle che gli idrofori faranno passare dagli altri centri colpiti: Paganica, Onna, San Gregorio, Villa Sant’Angelo per arrivare a Pescara, dove sarà mescolata, domani sera, con l’acqua del Mediterraneo. Primo idroforo è Ammar Addadi, presidente del Comitato internazionale dei Giochi.I GIOCHI PER L’ABRUZZO — La conferenza stampa del Coni, per la presentazione dei Giochi, è un tributo all’Abruzzo e alla sua volontà di risollevarsi. “Complimenti a Pescara – dice Gianni Petrucci, presidente del Coni -, è riuscita a completare in tempo l’organizzazione. Ci sono stati momenti difficili, ma tutti sono stati bravi a superarli. L’Abruzzo ci farà fare bella figura”. Raffaele Pagnozzi, segretario generale del Coni, mette in risalto i numeri: 456 atleti azzurri, la più grande delegazione di sempre per l’Italia in ogni manifestazione, la presenza di 11 ori olimpici di Sydney, Atene e Pechino, 68 atleti già sul podio nella precedente edizione ad Almeria, atleti da 19 regioni (manca solo la Valle d’Aosta). Per la prima volta ai Giochi del Mediterraneo c’è Casa Italia. Inoltre, per la prima volta c’è una donna, Rossana Ciuffetti, capo delegazione dell’Italia.

Gianni Petrucci, 63 anni, alla presentazione dei Giochi. Ansa
Gianni Petrucci, 63 anni, alla presentazione dei Giochi. Ansa

ITALIA-SIRIA — A dare il via alle gare è il calcio. Alle 18, ad Avezzano, la Nazionale di calcio Under 20, guidata da Francesco Rocca, giocherà contro la Siria. Per gli azzurri questi Giochi rappresentano una importante tappa di verifica e di avvicinamento al Mondiale Under 20, che si disputerà dal 25 settembre in Egitto. Rocca ha fatto rinascere l’Under 19 con l’argento all’Europeo 2008, e proprio quella manifestazione era valida come qualificazione al Mondiale Under 20. Il c.t. azzurro trascina gran parte di quella squadra (8 giocatori) verso nuovi traguardi. L’Italia non ha mai ottenuto risultati di rilievo ai Mondiali Under 20, non si è mai piazzata nei primi quattro posti e nella scorsa edizione nemmeno si era qualificata per la fase finale. I Giochi del Mediterraneo serviranno ad avere un’idea più precisa delle potenzialità azzurrre. La Siria non offre punti di riferimento, alla vigilia della partita. “E’ un avversario sconosciuto per noi – dice Rocca -, ma questo non è un problema. Per me è fondamentale che siamo noi a imporre il gioco».

ELEZIONI — Ieri, intanto, si è svolta l’Assemblea generale del Comitato internazionale dei Giochi del Mediterraneo. L’algerino Ammar Addadi è stato confermato presidente per acclamazione. Raffaele Pagnozzi è stato rieletto nell’Esecutivo come il più votato. Ammessa la Macedonia, come stato numero 24, per la prossima edizione del 2013 in Grecia. Non si è parlato della partecipazione di Israele e Palestina, sempre molto controversa, ma la loro ammissione è legata a iniziative diplomatiche che vanno oltre l’Assemblea del Comitato. Se si troverà un accordo (i due Paesi dovranno entrare contemporaneamente, altrimenti non c’è possibilità di soluzione) è chiaro che le formalità burocratiche sui tempi di ammissione ai Giochi saranno saltate. Non ci sarà bisogno di una Assemblea durante i Giochi in Grecia per decidere la partecipazione a quelli del 2017, si deciderà di ammettere israeliani e palestinesi dal 2013 e basta.

Annunci

Comments (1)

RUGBY – A venti giorni dal terribile terremoto, il L’Aquila torna a giocare e a vincere

from www.gazzetta.it

A venti giorni dal terremoto, il club abruzzese è tornato in campo a San Donà (Venezia) con una maglia speciale e vince conquistando i playoff: “Siamo un simbolo”. Prima della gara un minuto di silenzio dedicato a Lorenzo Sebastiani, una delle trecento vittime del sisma

L'Aquila in posa prima della partita. Martelli

L’Aquila in posa prima della partita. Martelli
SAN DONA’ (Venezia), 26 aprile 2009 – Lo stadio del rugby di San Donà non era così gremito da tempo. Una stima di 1500 spettatori è forse per difetto. Nemmeno i derby richiamano tanta gente. E non è perché i padroni di casa sono all’ultima partita stagionale interna. E’ perché, a San Donà, c’è L’Aquila, alla “prima” dopo il terremoto. Tra le due squadre, cariche di storia, è la 63ª sfida. Ma, anche se ora si è in serie A, cioè in B, mai la sfida è stata così carica di significati. E la retorica del rugby non c’entra. I giocatori entrano scortati da “scoiattoli” con caschetto: sono i bimbi del settore giovanile. L’Aquila è guidata da capitan Zaffiri, un azzurro, una bandiera. Il silenzio del minuto di raccoglimento è assordante. I due gruppi si uniscono abbracciati in cerchio, le lacrime rigano il viso di molti. Lontano, un cane abbaia.
PER LORENZO – Solidarietà, vicinanza, accoglienza: il Comune veneziano ha adottato il club neroverde. Si sono mobilitati in tanti. L’amministrazione locale ha ospitato le 39 persone dello staff e ha devoluto alla popolazione colpita dal sisma una somma pari al doppio dell’incasso di giornata. Per l’occasione, sulle maglie biancoarancio aquilane, spicca il rosone della basilica di Collemaggio, danneggiata dalle scosse. I ragazzi, sette aquilani su quindici, al braccio sinistro portano un segno di lutto. Bocchini gioca col n. 23: la società, alla vigilia del match, ha ritirato il n. 1, quello del pilone sinistro, quello del 20enne Lorenzo Sebastiani, una delle trecento vittime della sciagura. Uno di loro. Per sempre. Il sindaco di San Donà, Francesca Zaccariotto, alla sua memoria, ha deciso di intitolare una via del quartiere che nascerà a ridosso dello stadio. Lorenzo, mentre pure il cielo si metterà a piangere, sarà nominato mvp della partita. “Dalle tendopoli a San Donà, solo una voce… skrocchià”, tener dritta la schiena. “L’Aquila torna a vivere”. “L’Aquila bella, me te vojio revedè”. Gli striscioni delle Brigate neroverdi valgono più di tanti discorsi. I tifosi ospiti, giunti anche in pullman, sono un centinaio. Con quelli di San Donà fanno a gara a chi grida più forte, ma il gemellaggio è spontaneo.
DOPPIA VITTORIA – L’Aquila vince due volte. In campo è in confusione solo nei primi minuti, poi con quattro mete (doppietta di Farmer) e 16 punti al piede di Sweeney, deborda. Finisce 36-8. C’è il punto di bonus, c’è la conquista dei playoff. C’è tanta commozione. C’è tutto l’orgoglio abruzzese. “Andiamo avanti — dice Zaffiri — perché siamo un simbolo della città che rinascerà”. “L’arbitro — racconta l’allenatore Lorenzo Cavallo — in spogliatoio, leggendo la lista-gara, ha citato per primo Sebastiani. Ci manca, continuiamo anche per lui”. “L’Aquila si riprenderà — aggiunge Carlo Pallotta, eroe per caso dei soccorsi — oggi noi apprezziamo anche le cose più banali”. La giornata si chiude al Plebiscito di Padova, dove L’Aquila nel 1994 conquistò l’ultimo dei suoi cinque scudetti. Al termine del Veneto Derby-Day, i giocatori di Treviso, Rovigo, Padova e Venezia fanno un lungo corridoio in mezzo al quale, con Massimo Mascioletti in testa, sfilano gli abruzzesi. Negli stessi minuti, a Bordeaux, i concittadini Festuccia, Masi e l’ex Lo Cicero celebrano il ritorno del Racing Parigi nel Super 14 francese. L’Aquila risorgerà.

Lascia un commento

FORMULA 1 – Pole di Trulli dedicata all’Abruzzo

from www.gazzetta.it

L’italiano esulta per la pole: “Bello per la Toyota e per la gente della mia regione. E dire che avevo problemi alla macchina”. In casa Ferrari delusione a metà. Massa: “C’è da lavorare anche se essere tra i primi 10 non è male”. Raikkonen: “Conterà la strategia”

Jarno Trulli sorride dopo la pole in Bahrain. Ap

Jarno Trulli sorride dopo la pole in Bahrain. Ap
SAKHIR (Bahrain), 25 aprile 2009 – Felice, ma senza esagerazioni. Jarno Trulli ha celebrato così la bellissima giornata Toyota oggi in Bahrain. Pole position col compagno di squadra al proprio fianco è un risultato eccezionale per il team giapponese. Però resta la gara di domani e fare bene la corsa diventa l’obiettivo primario. Dunque l’abruzzese esulta ma resta anche concentrato.
SODDISFAZIONE – “Non è stata una qualifica facile per tutti. Dopo la prima manche abbiamo avuto problemi ai freni, sapevo che avevo una buona macchina e che potevo conquistare la pole – ha detto dopo l’impresa – è un risultato importante per la Toyota e per tutto il team. Ho dovuto imbarcare più benzina perché sembrava esserci un problema alla pompa e anche ai freni avevo dei problemi. Ma alla fine ce l’ho fatta, è stata una bellissima soddisfazione”. Con una dedica scontata: “La dedica è scontata – ha detto – alla mia regione dove sapete cosa è successo. Spero che questo risultato sia anche di supporto alla campagna di beneficenza che ho promosso“.
QUALE FERRARI – In casa Ferrari, invece, l’ottavo e il decimo posto di Massa e Raikkonen è un risultato dai due volti. Deludente perché quarta e quinta fila sono sempre difficili. Positivo perché da quanto visto nelle prime tre gare oggi poteva anche finire peggio. Massa è equilibrato nel giudizio della giornata: “Siamo cresciuti – ha detto il brasiliano – ma c’è ancora molto da lavorare. Ci sarà da lottare, perché mi sembra che ci siano molte macchine vicine dal punto di vista delle prestazioni. Dovremo fare il meglio. Certo essere tra i primi 10 è positivo rispetto a quanto abbiamo fatto finora, anche se il mio ottavo posto non è proprio quello che speravo…”.
STRATEGIE – Come sempre molto essenziale Raikkonen: “Ho fatto un buon lavoro nella prima e nella seconda qualifica, poi ho finito i pneumatici nell’ultima. Strategia? Vedremo come saremo messi rispetto agli altri, vedremo più avanti”.

Lascia un commento

TERREMOTO ABRUZZO – Annullata la presentazione dei Mondiali di Nuoto a Roma

 

Roma09, partecipe al lutto ed allo sconforto che hanno colpito la citta’ de L’Aquila, l’Abruzzo e l’Italia tutta, annulla la cerimonia di presentazione delle medaglie di premiazione dei 13th FINA World Championships.
La cerimonia, che doveva svolgersi venerdi’ 10 aprile alle ore 11 nella Sala Convegni della Galleria Alberto Sordi, e’ rinviata a data da destinarsi. Il Comitato Organizzatore Roma09 esprime tutta la propria vicinanza alle popolazioni vittime della tragedia e la propria completa disponibilita’ ad ogni iniziativa di solidarieta’.

Lascia un commento

TERREMOTO ABRUZZO – Altre iniziative dello sport a favore dei terremotati

from www.ansa.it

 
ROMA – La squadra di calcio brasiliana del Palmeiras, che anticamente si chiamava Palestra Italia e venne fondata da esponenti della comunità italiana di San Paolo, ha chiesto ed ottenuto dalla confederazione calcistica sudamericana di scendere in campo con il lutto al braccio nel match di stanotte per la Coppa Libertadores contro lo Sport Recife. Ne dà notizia il club paulista sul suo sito, in cui viene specificato che “porteremo il lutto per commemorare le vittime del terremoto verificatosi nel centro Italia”. Viene poi specificato che “fino a ieri notte le vittime accertate erano 235 (ora sono salite a 272 n.d.r.), e 1100 i feriti”

SOLIDARIETA’ DAL TORINO: DEVOLVERA’ INCASSO
Il Torino devolverà l’incasso della prossima partita, contro il Catania, alle popolazioni terremotate dell’Abruzzo. Lo ha annunciato il presidente del club, Urbano Cairo. “E’ una decisione che mi sta particolarmente a cuore – afferma il patron granata – perché quella che si è abbattuta sull’Abruzzo è una tragedia immane. I tifosi che vorranno venire a sostenere la squadra allo stadio – aggiunge – potranno aiutare le migliaia di persone colpite da questo incredibile cataclisma”. Il Torino non è nuovo a questo genere di iniziative: nelle settimane successive all’incendio dell’acciaieria ThissenKrupp che causò la morte di sette operai, l’intero incasso di una partita venne devoluto alle famiglie delle vittime.

RONALDINHO: VOGLIO FARE PARTITA PER RACCOLTA FONDI

“Cercheremo di organizzare una partita per raccogliere fondi e faremo di tutto per aiutare tutte le persone che hanno bisogno”. L’annuncio, fatto ai microfoni di SkySport 24, è di Ronaldinho, che è rimasto colpito da ciò che è successo in Abruzzo. “E’ una situazione che prima avevo visto solo in televisione – dice il brasiliano -. Ora che vivo qui, nello stesso paese in cui c’é stato il terremoto, spero di poter fare qualcosa per le popolazioni colpite e di poter dare il mio contributo”.

TOTTI: LASCIAMO DA PARTE CALCIO E DIAMO UNA MANO

Daniele De Rossi ha invitato tutti a non dimenticare, Francesco Totti (in collegamento a Sky tg24), ha espresso il suo dolore per il dramma dell’Abruzzo. “Bisogna aiutare e stare vicini a queste persone colpite dal terribile sisma – le parole del capitano della Roma – In questo caso il calcio va messo da parte. In un momento così difficile non è facile trovare le parole giuste, tutto il paese deve essere unito, ognuno secondo le sue possibilità deve contribuire a dare una grande mano. Sicuramente non faremo cose avventate per mobilitarci, ma insieme cercheremo di prendere decisioni importati, poi ci uniremo a tutti gli altri. Sappiamo che quando c’é un pallone di mezzo si possono fare felici le persone, ma ora il calcio va messo da parte e dobbiamo stare vicino a chi all’improvviso si è trovato senza più nulla. In questo momento pensiamo più all’esterno che al mondo del calcio, perché è molto più importante”.

PORTIERE FREY LANCIA RACCOLTA FONDI DAL SUO SITO

Una raccolta di fondi e mezzi di sostentamento per le popolazioni colpite dal terremoto in Abruzzo: l’ha lanciata il portiere viola Sebastien Frey attraverso il proprio sito ufficiale. “Noi giocatori della Fiorentina – scrive il portiere francese – assieme ai dirigenti e alla stessa società viola abbiamo raccolto fondi da destinare tramite la Croce Rossa alle popolazioni abruzzesi duramente colpite dal terremoto. Siamo tutti molto vicini alle famiglie che stanno soffrendo”. Frey conclude indicando a chi e come inviare aiuti ai terremotati.

DAL FROSINONE CALCIO 4 INCASSI PER GLI SFOLLATI

Nella gara di solidarietà che si é accesa in favore delle zone terremotate, il Frosinone calcio ha deciso di devolvere alle popolazioni colpite dal terremoto in Abruzzo gli interi incassi delle ultime quattro gare interne che società laziale disputerà nel torneo di Serie B. Le gare interessate sono quelle contro Modena, Pisa, Albinoleffe e Cittadella. Come da comunicazione sul sito ufficiale della società, questo è stato un “gesto di solidarietà ma anche di riconoscenza verso una terra, quella abruzzese, che si è sempre dimostrata ospitale e cordiale nei confronti del Frosinone calcio e di tutti i suoi tesserati”. Sempre il Frosinone ha comunicato che quanto prima verrà resa nota la destinazione del denaro.

CONI: DIVISE OLIMPICHE PER GLI SFOLLATI

Divise olimpiche per gli sfollati del terremoto in Abruzzo: le mette a disposizione il Coni, che ha in magazzino ancora materiale dei Giochi di Sydney, Atene, Torino e Pechino. Il materiale (tute, giacconi, felpe, magliette, zaini, borse e valigie) sarà affidato alla Croce Rossa Italiana, che deciderà tempi e modi di consegna. Il presidente del comitato olimpico italiano, Giovanni Petrucci, ha anche disposto l’apertura di un conto corrente di solidarietà in favore delle popolazioni terremotate: il conto (“CONI pro Abruzzo”) è istituito presso la Banca Nazionale del Lavoro, Gruppo BNP Paribas: l’ IBAN è IT69 K010 0503 3090 0000 0000 256.

Lascia un commento

TERREMOTO ABRUZZO – Parla Campana

from www.gazzetta.it

Il presidente dell’Aic lancia un monito: “Dobbiamo appellarci alla sensibiltà di tutti gli addetti ai lavori in segno di solidarietà verso il dramma dell’Abruzzo”. La solidarietà degli ultrà del Bologna e del basket. Domani si ferma il baseball

Immagini d'Abruzzo. Ansa

Immagini d’Abruzzo. Ansa
ROMA, 9 aprile 2009 – “Dobbiamo appellarci alla sensibiltà di tutti gli addetti ai lavori dello spettacolo calcistico perchè la giornata di campionato di sabato sia ispirata alla correttezza e alla lealtà, che sono anche un segno di solidarietà e sensibilità verso questa popolazione cosi colpita”. Ai microfoni dell’Agenzia Radiofonica GRT il presidente dell’Associazione Italiana Calciatori, Sergio Campana, lancia un appello al mondo del calcio con la Serie A che sabato si troverà a giocare dopo le tragiche conseguenze del sisma in Abruzzo. “L’Aic è stata d’accordo nel sospendere la giornata di Serie B di domani – ha detto l’avvocato Campana -, non credo sia invece stata presa in considerazione anche l’idea di sospendere la giornata di sabato”. Il rischio è che sabato si possa polemizzare, come spesso avviene, su rigori dati e non dati, non sarebbe bello in un momento del genere. “Direi che una sensibiltà di questo tipo dovrebbe essere scontata” spiega Campana, che ha anche aperto una sottoscrizione tra gli atleti delle squadre di serie A, B e Lega Pro per l’Abruzzo: “In situazioni del genere – ha concluso Campana a GRT – i calciatori sono sempre molto generosi”.
SOLIDARIETA’ DAGLI ULTRÀ DEL BOLOGNA – Da “un’ingiustizia sportiva” può derivare un atto di giustizia umana. Ne sono convinti i ‘gruppi ultrà della Curva Andrea Costa e il Centro Bologna Club’, così hanno firmato la nota, proponendo di devolvere agli aiuti per la popolazione abruzzese i soldi risparmiati per la trasferta negata la scorsa settimana a Roma, stop deciso dal Casms, comitato per la sicurezza delle manifestazioni sport. Allo scopo ci sarà una raccolta che sarà svolta dai volontari dei gruppi ultrà agli ingressi del Dall’Ara per Bologna-Siena.
TREVISO-BIELLA DEVOLVE L’INCASSO – Anche il basket in campo per la solidarietà alle vittime del terremoto dell’Abruzzo. L’incasso del match di serie A Benetton Treviso-Angelico Biella, in programma domani sera alle 21, sarà devoluto alle popolazioni colpite dal sisma. Verranno, inoltre, allestite delle urne agli ingressi del Palaverde per permettere le offerte libere da parte del pubblico e sarà organizzata una lotteria a offerta libera con in palio un grande uovo di Pasqua che verrà assegnato nell’intervallo.
DOMANI STOP DELLA BASEBALL LEAGUE – Nel rispetto della giornata di lutto nazionale per le vittime del terremoto in Abruzzo, la Federbaseball ha rinviato tutte le partite in programma per domani (venerdì 10 aprile). Il primo turno dell’Italian Baseball League, pertanto, dopo l’apertura della stagione prevista per stasera, secondo programma, con Palfinger Reggio Emilia-T&A San Marino e Fortitudo Bologna-Cariparma, avrà il seguente calendario: sabato 11 aprile (alle 16): T&A-Palfinger, Cariparma-Fortitudo, Danesi Nettuno-De Angelis Godo, Montepaschi Grosseto-Telemarket Rimini; sabato 11 aprile (20,30): T&A-Palfinger, Cariparma-Fortitudo, Danesi-De Angelis, Montepaschi-Telemarket; domenica 12 aprile (15): Danesi-De Angelis, Montepaschi-Telemarket.

Lascia un commento

TERREMOTO ABRUZZO – CONI: Lo sport italiano si ferma un minuto per ricordare le vittime del terremoto in Abruzzo

from www.coni.it

Il Presidente del CONI, Giovanni Petrucci, invita le Federazioni Sportive Nazionali, le Discipline Sportive Associate e gli Enti di Promozione Sportiva a far osservare un minuto di silenzio in occasione di tutte le manifestazioni sportive che si disputeranno in Italia da domani a domenica, in memoria delle vittime del disastroso terremoto che ha colpito l’Abruzzo.

 

Lascia un commento

Older Posts »