Posts Tagged terremoto

TERREMOTO ABRUZZO – D’Ettorre: “Mi fa male non essere a casa”

from www.gazzetta.it

La ciclista abruzzese, in ritiro con la Nazionale a Treviso, parla della sua terra e della sua città: “Mi sento impotente, quasi in colpa. L’Aquila è in ginocchio, ma col tempo risorgerà”

Alessandra D'Ettorre al telefono con i suoi famigliari
Alessandra D’Ettorre al telefono con i suoi famigliari
L’AQUILA, 8 aprile 2009 – “La mia città”. Con quel senso di terra che si calpesta, che si respira, che si ha in fondo agli occhi, che si ha dentro la pelle. Alessandra D’Ettorre, 30 anni, azzurra di ciclismo. Aquilana di Castelvecchio Calvisio, a 30-35 km da L’Aquila. “Ma con L’Aquila sempre come punto di riferimento. L’ospedale, quello vecchio, dove sono nata; le scuole, l’Itis, dove ho studiato; le amiche e gli amici; i negozi e il supermercato; la Forestale dove lavoro”.
Lunedì 6 aprile, ore 3.23 del mattino. Dov’era?
“A Treviso, con la Nazionale, appena rientrata da una trasferta in Svizzera. Non riuscivo a dormire. Mi sono alzata, volevo sapere l’ora, ho guardato il cellulare, erano le 4. Ho scoperto che c’erano messaggi e chiamate senza risposta. Mi sono allarmata. Ho letto e risposto immediatamente”.
Poi?
“C’è stata una scossa tremenda, mi ha detto Aurelio, il mio fidanzato. Siamo tutti fuori, ha aggiunto. Stiamo tutti bene, ha precisato. Pare che a L’Aquila sia caduta qualche casa, ha sospirato. Pensavo, speravo, m’illudevo che la situazione non fosse grave, non così grave. Sono tornata a letto, ma sonno zero. Alle 5 e mezzo mi sono alzata, ho ripreso il cellulare e fatto altre telefonate”.
Stavolta?
“La situazione era grave. Mio padre piangeva. In casa sembrava di essere su una pista di pattinaggio, non potevano uscire, sbattevano contro vasi e mobili, il primo pensiero era stato per i nipoti. Adesso va meglio: ci si abitua, in fretta, anche ai disagi, anche alle calamità. Famigliari e parenti si sono accampati fuori casa, nel giardino. Piumoni, materassi, camino. Siamo a 1100 metri di altitudine, e la notte fa freddo”.
Lei come si sente?
“Impotente, quasi in colpa. Mi dispiace non essere là, a dividere la sofferenza, il dolore, la perdita. Noi abbiamo subito pochi danni, ma L’Aquila è a pezzi, in ginocchio”.
Rinascerà?
“Siamo gente forte, abbiamo la testa dura. Al di là degli aiuti di istituzioni e associazioni, gli abruzzesi sanno aiutarsi da se stessi. L’Aquilà ritornerà, risorgerà. Anche se ci vorrà tanto tempo”.
In bici, cioè dal suo punto di vista, com’è?
“Una terra che non fa sconti. Aspra, bella d’estate e dura d’inverno, che si porta antiche sofferenze. In bicicletta è ideale: poche macchine, strade belle, percorsi vallonati. Di solito passo da Paganica, arrivo a Tempera, da lì faccio una salita pedalabile e non lunga, che arriva a L’Aquila. E lì respiro. In tutti i sensi. Con tutti i sensi”.

Annunci

Lascia un commento

TERREMOTO ABRUZZO – Serie B di calcio rinviata

La Lega Calcio decide di non far disputare le partite del campionato cadetto in programma venerdì alle 19, giorno dei funerali solenni per le vittime del terremoto in Abruzzo. Si recupera il turno martedì 21 aprile alle ore 20.45

Un'immagine di Bari-Parma: le prime in classifica, nell'ordine, in serie B. LaPresse

Un’immagine di Bari-Parma: le prime in classifica, nell’ordine, in serie B. LaPresse
MILANO, 8 aprile 2009 – È stata rinviata dalla Lega Calcio la 35ª giornata del campionato di serie B prevista per venerdì, giorno in cui è stato proclamato il lutto nazionale e si svolgeranno i funerali solenni per le vittime del terremoto in Abruzzo. Le partite verranno disputate martedì 21 aprile alle ore 20.45.
LA TESTIMONIANZA – “Venerdì il campionato di serie B non si giocherà. Abbiamo appena ricevuto la comunicazione. Mi sembra una decisione dovuta in rispetto delle vittime del terribile terremoto che ha colpito il territorio abruzzese. Eravamo già in treno per partire alla volta di Ancona e abbiamo fatto in tempo a far scendere i ragazzi. Venerdì sarà lutto nazionale, giusto e doveroso non giocare”. Così il d.s. del Bari, Giorgio Perinetti, ai microfoni di Radio Kiss Kiss, ha confermato la notizia della sospensione del campionato per venerdì.

Comments (1)

TERREMOTO ABRUZZO – Lo sport piange le sue vittime

Lo sport continua a pagare un tragico tributo al sisma che ha colpito l’Abruzzo. Oltre alla scomparsa e probabile morte del rugbista dell’Aquila rugby Lorenzo Sebastiani, che risulta purtroppo tra i dispersi, si danno per certe le morti del calciatore 24enne del Loreto Aprutino (Eccellenza) Giuseppe Chiavaroli, deceduto tra lunedì e martedì all’ospedale di Teramo a causa delle ferite riportate durante il crollo e del pallavolista Lorenzo Cini, 23 anni, di Montorio al Vomano (Teramo). Lorenzo Cini, che ricopriva il ruolo di palleggiatore nella squadra del suo paese, che milita in serie B, era anche un eccellente studente universitario, ed è rimasto vittima delle macerie della casa che divideva con la fidanzata all’Aquila.

Lascia un commento

TERREMOTO ABRUZZO – Alcune iniziative delle federazioni sportive

Le cifre della tragedia si fanno di ora in ora più impressionanti mentre pochi minuti prima delle 20.00 una forte scossa (5,5) ha colpito di nuovo L’Aquila: il numero delle vittime del sisma che ha colpito nella notte tra domenica e lunedì è arrivato a 228, gli sfollati sono oltre diciassettemila: diecimila a L’Aquila e settemilacentoventi nella provincia.

Si susseguono le manifestazioni di solidarietà da tutto il Paese in ogni sua componente: raccogliamo in questo post che manterremo aggiornato quelle che provengono dal mondo dello sport.

Il presidente del Coni, Gianni Petrucci, invita le federazioni sportive nazionali, le discipline sportive associate e gli enti di promozione sportiva a far osservare un minuto di silenzio in occasione di tutte le manifestazioni sportive che si disputeranno in Italia da domani a domenica, in memoria delle vittime del disastroso terremoto che ha colpito l’Abruzzo.

In segno di lutto per le vittime del terremoto che ha colpito l’Abruzzo su tutti i campi delle gare del prossimo turno di Serie A e B e del campionato Primavera sarà osservato un minuto di silenzio ed i calciatori scenderanno in campo con il lutto al braccio. Lo ha deciso la Lega calcio.

L‘Associazione Italiana Calciatori, su sollecitazione di numerosi associati particolarmente colpiti dalla tragedia del terremoto che ha seminato gravissimi lutti tra le popolazioni dell’Abruzzo, ha deciso di aprire una sottoscrizione tra tutti i calciatori delle squadre professionistiche di serie A, B e Lega Pro. La stessa Aic stanzierà una cifra da devolvere ad integrazione di quanto, nei prossimi giorni, verrà raccolto dai rappresentanti delle squadre, per quello che vuole essere un gesto tangibile di solidarietà utile per tutte le persone in grave difficoltà e che hanno concreto bisogno di aiuto. Chiunque fosse disponibile a partecipare alla sottoscrizione, può versare l’importo con bonifico bancario intestato a: Associazione italiana calciatori – ‘Raccolta fondi pro terremoto Abruzzò – Presso: Cassa di Risparmio del Veneto filiale di Vicenza – Codice IBAN IT30C062251180500000002867″.

Il Calcio Catania devolverà l’intero incasso della prossima partita casalinga di campionato, in programma il 19 aprile prossimo contro la Sampdoria, alle famiglie colpite dal terremoto in Abruzzo. L’annuncio stato fatto in mattinata dall’amministratore delegato della società rossazzurra, Pietro Lo Monaco.

Il Napoli ha deciso di devolvere l’intero incasso della partita con l’Atalanta di sabato prossimo alle famiglie colpite dal terremoto in Abruzzo.

I giocatori della Roma metteranno all’asta le proprie maglie per raccogliere fondi in favore delle vittime del terremoto che ha colpito l’Abruzzo. I calciatori della Roma, tramite l’ufficio stampa della società, hanno messo a disposizione del programma radiofonico Te la do io Tokyo (sulle frequenze di Centro Suono Sport) le loro maglie autografate per un’asta di beneficenza. I fondi raccolti dalla trasmissione serviranno per l’acquisto di due camper da riempire di aiuti e donare agli abitanti di Onna. Già dopo un’ora dal lancio dell’iniziativa, tra l’altro, è stata raggiunta la cifra per uno dei mezzi. Al momento le maglie a disposizione sono quelle di Francesco Totti, Daniele De Rossi, Alberto Aquilani, Mirko Vucinic, Baptista, Philippe Mexes, Jeremy Menez, David Pizarro, Marco Motta, Doni, Juan, John Arne Riise, Max Tonetto, Christian Panucci, Matteo Brighi e Rodrigo Taddei.

È stata rinviata a giovedì 30 aprile Banca Tercas Teramo-La Fortezza Virtus Bologna dell’undicesima giornata di ritorno della serie A di Basket, in programma sabato alle ore 21, su richiesta della Banca Tercas “sconvolta ed afflitta per la tragedia che ha colpito in modo tanto drammatico L’Aquila e tutto il popolo abruzzese”. La Lega Basket di serie A ha anche disposto un minuto di raccoglimento su tutti i campi prima delle gare di sabato.

La Federazione Italiana Nuoto e il Comitato Organizzatore dei Mondiali di Roma09, partecipi al lutto ed allo sconforto che hanno colpito la città de L’Aquila, l’Abruzzo e l’Italia tutta, annullano la cerimonia di presentazione delle medaglie di premiazione dei 13th FINA World Championships. La cerimonia, che doveva svolgersi venerdì 10 aprile alle ore 11 nella Sala Convegni della Galleria Alberto Sordi, è rinviata a data da destinarsi.

Per garantire la continuità dell’attività sportiva e agonistica, la Federazione Italiana Nuoto metterà a disposizione alle Società abruzzesi che ne faranno richiesta le strutture del Centro Federale di Avezzano, non appena verrà dichiarato agibile dagli organi di controllo preposti. La FIN altresì vuole partecipare con ogni aiuto possibile, oltre a tutti i canali di solidarietà presenti, dando assistenza logistica ai propri tesserati

Live Onlus destinerà alle popolazioni colpite dal terremoto il ricavato dell’asta “Una pattinata con Vale” iniziata oggi ed ha lanciato una raccolta di fondi
 
La Federazione Italiana Rugby ha deciso di accendere un conto corrente di solidarietà, partecipato dalla FIR stessa, presso la Banca Nazionale del Lavoro, Agenzia CONI di Roma. Chiunque desiderasse aderire può effettuare un bonifico bancario alle seguenti coordinate, specificando nella causale “Sottoscrizione Fir pro Abruzzo”:

Banca Nazionale del Lavoro
Agenzia CONI di Roma
C/C 8730
ABI 01005
CAB 03309
CIN V
IBAN IT41V0100503309000000008730

Lascia un commento

TERREMOTO ABRUZZO – Sporteconomy.it propone il fermo dei Giochi del Mediterraneo

from www.sporteconomy.it

Il terremoto dell’Abruzzo per la sua devastazione socio-economica deve essere trattato urgentemente dal governo con fondi strutturali speciali. Un’idea arriva da Sporteconomy, che propone ai parlamentari di fermare i fondi destinati ai Giochi del Mediterraneo (Pescara2009), in programma a partire dal prossimo mese di giugno, per dirottarli immediatamente a copertura degli interventi della Protezione Civile. Sarebbe una scelta operativa, ma anche di decoro e immagine. I vertici di Pescara2009 dovrebbero autonomamente sospendersi per sciogliere la struttura che sta diventando un vero e proprio costo per la collettività locale. Puntando a far slittare di un anno l’organizzazione dell’intero evento. 

Mentre in Abruzzo si cerca tra le rovine per contare i morti, e 17 mila sfollati ancora non hanno trovato un tetto dove passare la prossima notte, c’è una realtà parallela che prosegue per la sua strada nonostante tutto quello che sta avvenendo a pochi chilometri di idstanza. A giugno dovrebbe infatti cominciare la 16ima edizione dei Giochi del Mediterraneo, con svolgimento a Pescara.

Pescara 2009 (http://http://www.pescara2009.it/) coinvolgerà 23 nazioni, tra cui la Francia, la Grecia, l’Egitto. Un progetto diplomatico per riuscire nella successiva edizione ad includere anche Israele e Palestina, fino ad oggi escluse.

In soldoni si parla di un investimento di oltre 85 mln di euro: “Resta in piedi la questione finanziamenti, per la quale Mario Pescante ogni giorno si sposta tra gli uffici della presidenza del Consiglio e il ministero dell’Economia. I 70 milioni stanziati al momento dell’assegnazione a causa di inflazione e interessi da pagare sui mutui accesi si sono ridotti a 54. Il governatore Gianni Chiodi, Pdl, ha annunciato l’arrivo di altri 10 milioni governativi. Pescante si è irritato, chiede silenzio sull’aspetto delicato: lavora per portare a Pescara 2009 altri 17 milioni. E ieri si limitato a dire: “Contiamo di recuperarne almeno una parte”.

Comments (1)

TERREMOTO ABRUZZO – Il rugbista eroe: “E’ stato terribile!”

from www.eurosport.it

Ha salvato due vite umane, ma non si sente un eroe. “Lo avrebbe fatto chiunque”, dice sminuendo il gesto valoroso

Dario Pallotta si racconta dopo l’incubo che nella giornata di lunedì ha scosso l’Abruzzo. Ventiquattro anni ancora da compiere, 96 chili e 186 centimetri in altezza, l’ala dell’Aquila Rugby si è resa protagonista di un coraggioso intervento che gli ha consentito di salvare due vite. Pallotta si trovava nel centro storico del capoluogo abruzzese quando ha udito il grido di aiuto di una donna che chiedeva soccorso per i genitori. Corso verso il punto da cui provenivano le urla, il giovane si è trovato davanti a un’abitazione completamente distrutta.

“Ho messo il naso dentro l’androne dell’immobile e ho visto che la tromba delle scale non c’era più. Ho sentito delle urla, ma era un’alluvione per via dei tubi dell’acqua rotta”, racconta il ventiquattrenne. “Ero spaventato – confessa – ma sono andato avanti e ho notato due figure, tutte bianche di polvere. Credevo fossero due donne. Uno, che poi ho capito essere il marito, sotto a una pietra e ai tubi dell’acqua, e ho dovuto sollevare tutto”. Alle prese con un’ulteriore scossa mentre si trovava ancora all’interno di quel che restava della casa, il rugbista rivela di essersi sinceramente preoccupato, ma il coraggio ha avuto il sopravvento tanto da consentirgli di portare in salvo anche la signora anziana, caricata sulle spalle con la bombola d’ossigeno indispensabile per la respirazione. “Non sono un eroe – ha sottolineato – non pensavo che il mio gesto facesse tanto clamore. Ho fatto quello che ognuno di noi avrebbe fatto se si fosse trovato in una situazione simile. È stato terribile, ma in quei momenti non pensi”.

Il terremoto ha distrutto anche la sua abitazione, ma il rugbista dal cuore grande non ha esitato a rendersi utile, cosi come i suoi compagni di squadra. “Ci fanno fare i lavori di forza, carichiamo materassi e gente in sedia a rotelle, tutto ciò che possiamo, perché vogliamo assolutamente aiutare la nostra gente”. Dario Pallotta non si sente un eroe, ma ha dato prova di esserlo, in campo come fuori dal campo

Comments (1)

TERREMOTO IN ABRUZZO – La Feder Rugby mette a disposizione un conto corrente per donazioni

La Federazione italiana rugby ha aperto un conto corrente per sottoscrivere donazioni in favore dei colpiti dal terremoto in Abruzzo. Inoltre l’attività agonistica del rugby in tutto l’Abruzzo è stata sospesa fino al 15 aprile. Il presidente federale, Giancarlo Dondi, ha invitato tesserati e appassionati a fare donazioni. Chiunque desiderasse aderire, ha fatto sapere la federazione, può effettuare un bonifico bancario a queste coordinate, specificando nella causale “Sottoscrizione Fir pro Abruzzo”:

Banca Nazionale del Lavoro
Agenzia CONI di Roma
C/C 8730
ABI 01005
CAB 03309
CIN V
IBAN IT41V0100503309000000008730.

Lascia un commento

« Newer Posts · Older Posts »